Qual è il passato di Natasha Romanoff, alias Vedova Nera? Chi ha lasciato alle spalle e soprattutto: chi l’ha resa una spia d’acciaio puro? Il lato oscuro delle sue molte vite è ora tutto in un film, Black Widow in sala dal 7 luglio e dal 9 su Disney+ con accesso vip. Un “prequel“ sul personaggio targato Marvel Studios che farà felice...

Qual è il passato di Natasha Romanoff, alias Vedova Nera? Chi ha lasciato alle spalle e soprattutto: chi l’ha resa una spia d’acciaio puro? Il lato oscuro delle sue molte vite è ora tutto in un film, Black Widow in sala dal 7 luglio e dal 9 su Disney+ con accesso vip. Un “prequel“ sul personaggio targato Marvel Studios che farà felice tutti gli appassionati degli Avengers che avevano conosciuto Vedova Nera per la prima volta nel 2010 in Iron Man 2 e che l’hanno vista sacrificarsi, e scomparire, in Avengers Endgame.

"Natasha all’inizio di questo film è davvero sola – ha spiegato la protagonista Scarlett Johansson, 36 anni – Lei che ha sempre fatto parte di qualche gruppo, scopre invece per la prima volta che è fragile, una vittima. Poi è anche colta alla sprovvista da una persona che viene dal passato che la destabilizza. È bello vederla così, come non l’avevamo mai vista".

Tutto parte nel 1995 in Ohio, con Natasha bambina già determinatissima, in fuga con la sua famiglia a Cuba per allontanarsi dalle forze oscure che la vorrebbero morta. Con lei la madre, Melina interpretata da Rachel Weisz, e la sorella Yelena (Florence Pugh) la terza Vedova Nera.

"Abbiamo iniziato a pensare seriamente a un film tutto su Black Widow quando stavamo facendo Infinity War – spiega Scarlett – Sapevamo che erano finiti i giochi per Natasha e quindi abbiamo dovuto lavorare a ritroso. Volevamo una storia nella quale lei avrebbe fatto i conti con i traumi del suo passato per poi andare avanti. Quello che amo di lei è che ha molta integrità. È una grande donna che non ha paura di ammettere quando ha torto. È poi è una persona curiosa di se stessa come degli altri. Una cosa, quest’ultima, non da poco".