Giovedì 25 Luglio 2024

Travis Scott arrestato (di nuovo): lo cacciano dallo yacht, lui dà in escandescenze

Accusato di ubriachezza molesta e violazione di domicilio: il rapper paga la cauzione torna in libertà. Non è la prima volta che finisce in manette

Travis Scott (Ansa)

Travis Scott (Ansa)

Miami, 20 giugno 2024 – Il rapper Travis Scott, icona mondiale dell’hip hop, è stato arrestato stanotte a Miami per ubriachezza molesta e violazione di domicilio. All’anagrafe Jacques Bermon Webster II, conosciuto anche come La Flame o Cactus Jack, Scott sta ancora affrontando cause civili per la morte di 10 fan schiacciati dalla folla al suo festival Astroworld a Houston, in Texas nel 2021. 

La nuova grana con la giustizia è legata a una lite su uno yacht. La polizia è intervenuta nella notte al porto turistico di Miami Beach, allertata da qualcuno a bordo dell’imbarcazione che ha chiesto di allontanare il musicista e produttore cinematografico. Secondo quanto ricostruito da Tmz che cita una relazione della polizia di Miami, Scott era in stato di alterazione, “urlava oscenità” e “puzzava d’alcol”. 

Gli agenti lo hanno scortato fuori dalla barca, lui è montato su una macchina fingendo di allontanarsi salvo poi tornare indietro verso lo yacht. Ma la polizia, appostata, l’ha bloccato: è stato allora che avrebbe dato in escandescenze. Così sono scattate le manette. 

Stando a fonti vicine a Scott, il 33enne texano avrebbe pagato una cauzione e sarebbe tornato in libertà. A bordo dello yacht “stavano festeggiando”, poi le cose sono “sfuggite di mano” ai presenti. Ma la situazione non è mai degenerata in violenze. 

Non è il primo ‘incidente’ con la legge di Travis Scott, mai accusato penalmente per la strage di Houston ma citato in causa in un processo per risarcimento danni. Non è neanche la prima volta che viene arrestato. In passato è finito in stato di detenzione per incitamento alla rivolta, è stato anche indagato per presunte aggressioni, ricorda sempre Tmz. Ma le accuse non sono mai state confermate.