'Star Wars: The Rise of Skywalker', una scena
'Star Wars: The Rise of Skywalker', una scena

New York, 9 dicembre 2019 - Il nuovo episodio della saga di Guerre Stellari potrebbe causare attacchi alle persone che soffrono di epilessia fotosensibile, cioè quella forma scatenata da stimoli visivi. E' la stessa Disney a lanciare l'allarme, e non solo, negli Usa ha chiesto la collaborazione della Epilepsy Foundation per diffondere il messaggio di avverti9mento alle persone interessate.

Infatti 'Star Wars: The Rise of Skywalker', nelle sale il 18 dicembre, conterrebbe delle scene con effetti luminosi potenzialmente a rischio. La casa produttrice ha invitato i distributori del film in  tutto il mondo a prendere misure speciali per avvertire gli spettatori sul rischio. 

In una lettera preoccupazioni  della Disney: "Come estrema precauzione raccomandiamo di diffondere una nota con le seguenti informazioni: 'Star Wars: The Rise of Skywalker' contiene diverse sequenze con immagini e ripetute luci intermittenti che possono colpire chi è suscettibile all'epilessia fotosensibile o ha altre fotosensibilità". 

Riguardo all'epilessia fotosensibile il sito della Foundation ricorda che nel 3% delle persone con epilessia, le convulsioni possono essere scatenate da stimoli luminosi. 

Per evitare il rischio conviene vedere il film con una amico che lo ha già visto, che può avvisare dove ci siano scene potenzialmente pericolose. Inoltre si invita chi soffre di questa forma di epilessia a insegnare ad amici e parenti cosa fare in caso di attacco: 'stay', cioè restare con la persona durante la crisi, e cronometrarne la durata, 'safe', mettere cioè la persona in un contesto sicuro, lontano da oggetti pericolosi e infine 'side', aiutare il paziente a stare su un fianco se non è cosciente per mantenere le vie respiratorie libere, come in caso di vomito. Da evitare il tenativo di aprire la bocca durante l'attacco o di bloccare braccia e gambe.