Sabato 15 Giugno 2024
CONTENTS
Magazine

L’elopement, il nuovo modo di sposarsi con una fuga romantica

Sempre più coppie scelgono di celebrare le nozze con un rito simbolico

Elopement

Elopement

Le fughe d'amore per andare a sposarsi in una cerimonia con pochi intimi come invitati sono in aumento negli Stati Uniti e stanno arrivando anche da noi in Italia, portate dagli stranieri che decidono di attraversare l’Oceano – o le Alpi – per dirsi sì nel nostro Paese.

Sta di fatto che sempre più persone preferiscono rinunciare al matrimonio tradizionale, con centinaia di invitati e festeggiamenti che sembrano non finire più. Anni fa per questo tipo di nozze erano famose location le wedding chapel a Las Vegas, come la Graceland Chapel. Ma bastava anche solamente andare in municipio. Oggi ci sono formule più personalizzate, adatte ai desideri e alle esigenze degli sposi. Si tratta di cerimonie simboliche che non hanno valore legale: prima o dopo, dunque, bisognerà unirsi in matrimonio presso una sede comunale.

Cerimonia intima

Gli elopement, molto richiesti dagli stranieri, sono cerimonie intime composte da pochi partecipanti: spesso ci sono solo gli sposi, il celebrante e un fotografo e al massimo altre quattro o sei persone. Si svolgono quasi sempre all’aperto, all’alba o nel pomeriggio, in luoghi particolari, appositamente scelti dagli sposi. La cerimonia inizia con l'accoglienza degli ospiti e una breve descrizione di quello che accadrà. Segue poi l'ingresso degli sposi. C’è spazio per varie riflessioni sull'amore e magari per il racconto della relazione o di qualche tappa importante condivisa dai due. Chi desidera, come omaggio alla coppia, può leggere un testo o ancora suonare o interpretare un brano musicale.

Riti simbolici

Il momento più emozionante e coinvolgente delle nozze fatte con l’elopement è lo scambio delle promesse dei due sposi, seguito da quello degli anelli. Ci sono diversi riti simbolici che possono essere scelti dai partner.

Se si opta, per esempio, per il rito della sabbia, gli sposi, ma anche coloro che sono chiamati a partecipare mescolano granelli di diversi colori in un unico contenitore di vetro, per simboleggiare l’intreccio di differenti vissuti che si uniscono e si fondono.

Parenti e amici possono partecipare attivamente anche al rituale del nastro, in cui la coppia di sposi, sempre per simboleggiare l’unione delle loro vite, avvolge dei nastri intorno alle proprie braccia e mani. Alcuni propendono per il rito della scatola, in cui gli sposi inseriscono in un contenitore biglietti e lettere d’amore, a volte anche con una buona bottiglia di vino. Il tutto va poi riaperto dopo 5 o 10 anni, e magari sarà l’occasione, oltre che per brindare, anche per rinnovare le promesse.

Vantaggi

Scegliere la formula dell’elopement per fare una cerimonia veloce e ristretta aiuta a risparmiare. Partendo da una base di 300 euro o poco più, volendo si può fare una cerimonia completa. Un matrimonio classico in grande stile potrebbe arrivare a costare quasi dieci volte di più, se si includono location, ristoratori, fiorista, intrattenimento, riprese audiovisive e quant’altro. Ciò che si risparmia si può investire nella luna di miele, anzi, molti si sposano mentre sono già in viaggio.

Le nozze tradizionali sono soprattutto un affare di famiglia. E se tra i parenti ci sono tensioni e dissapori, per gli sposi quei problemi possono essere fonte di disagi e imbarazzi, mentre ci si vorrebbe solo vivere un momento felice. È per questo che molti preferiscono vivere il rito come un momento intimo e privato, al limite avendo accanto solo persone scelte e fidate, senza stress per nessuno.

Diventare marito e moglie con la fuga romantica dell’elopement permette di essere più creativi e originali, svincolati da regole e convenzioni che ad alcuni vanno strette, scegliendo luoghi e situazioni che magari hanno un significato profondo per entrambi gli sposi. È anche una formula più flessibile che consente di combinare più tradizioni, soprattutto se i due partner appartengono a fedi e culture differenti.