‘Slow Horses 5’ si farà, le prime anticipazioni

La quinta stagione della serie di spionaggio con Gary Oldman uscirà come i precedenti episodi su Apple Tv+

Slow Horses è stata rinnovata per la quinta stagione

Slow Horses è stata rinnovata per la quinta stagione

Roma, 16 gennaio 2024 – Dopo il successo del finale della terza stagione di ‘Slow Horses’, uscito il 27 dicembre su Apple Tv+, la banda di disadattati dell'MI5 guidata da Jackson Lamb, alias Gary Oldman, è pronta a tornare. ‘Slow Horses’, titolo di successo di Apple TV+ basato sull'omonima serie di spionaggio di Mick Herron, è stata rinnovata per la quinta stagione, come ha confermato in primis ‘Variety’.  

Trama

La quinta stagione di ‘Slow Horses’ si baserà sul libro di Mick Herron ‘London Rules’. Il pubblico, dunque, potrà seguire in nuove imprese, sempre tra lo spionaggio e il black humor, il team di agenti dell’Intelligence British spediti a lavorare in un dipartimento dell’MI5, in uno squallido edificio, dove finiscono quelle spie che hanno fatto più di un passo falso. A guidarli è Jackson Lamb, brillante ma irascibile capo, con cui i professionisti strampalati dovranno affrontare nuovi inganni e piste fasulle dello spionaggio per difendere il Regno Unito. ‘Slow Horses’, che dà il titolo alla serie, è il modo in cui sono stati soprannominati. Nel quinto capitolo della saga, Roddy Ho (Christopher Chung), nerd super preparato in tecnologia, compare con una nuova fidanzata, che desta sospetti nei compagni di squadra. A un certo punto vari avvenimenti si verificano in tutta la città. E forse tutto quanto è collegato, molto più di quel che si potrebbe pensare a prima vista…

Cast

Oltre a Oldman e a Chung, nel cast di ‘Slow Horses 5’ troviamo Kristin Scott Thomas, Jonathan Pryce, Jack Lowden. E poi ancora, nella quinta stagione della serie di Apple Tv+ reciteranno anche Samuel West, Sophie Okonedo, Saskia Reeves, Rosalind Eleazar, Aimee-Ffion Edwards e Kadiff Kirwan.

L’autore

Il ‘New Yorker’ ha definito Mick Herron, autore della serie letteraria ‘Slough House’, come il miglior romanziere della sua generazione nel suo genere. Secondo quanto è riportato sul ‘Guardian’, prima di arrivare al successo con le storie di spionaggio e il personaggio di Jackson Lamb, Herron era caporedattore di una rivista che trattava materie legali. Faceva ogni giorno il pendolare tra Oxford e Londra.

Alla sera scriveva, anche se aveva poco tempo a disposizione e le energie, dopo il lavoro, scarseggiavano. Lo scrittore, inoltre, ha commentato che gli piace Oldman nei panni di Lamb, anche se, ha spiegato, non si immaginava così il protagonista né le altre figure riproposte dalla serie, semplicemente perché alle sue creature letterarie, nella sua testa, Herron non dà tanto un volto, quanto una voce.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro