Renault 5 rivive. Ypsilon e Panda. Una nuova era

di Francesco Forni Nomi importanti. Il nuovo anno sarà cruciale per il comparto auto, con tutte le Case pronte a muovere...

Renault 5 rivive. Ypsilon e Panda. Una nuova era
Renault 5 rivive. Ypsilon e Panda. Una nuova era

di Francesco Forni

Nomi importanti. Il nuovo anno sarà cruciale per il comparto auto, con tutte le Case pronte a muovere le acque di un mercato, italiano ed europeo, che non è ancora tornato ai livelli pre-pandemia e non ha preso un passo deciso verso la transizione all’elettrico. Parecchie carte pesanti, nel segno dei ricorsi storici, col ritorno di nomi che faranno battere il cuore a molti, puntando su tecnologia e stile. Nelle prossime settimane a Milano sarà presentata nuova Lancia Ypsilon, la piccola che segnerà il corso elettrificato del marchio, che nel 2026 sarà seguita dalla ammiraglia Gamma e nel 2028 dal ritorno della evocativa Delta. Nascerà sulla piattaforma STLA Small di Stellantis, disponibile in versione elettrica e poi anche mild hybrid, offrendo nuovo design, che nel posteriore con i fari tondi richiamerà la mitica Stratos, regina dei rally negli anni Settanta.

Ad aprile sarà la volta della ’cugina’ Alfa Romeo Milano, modello d’attacco della Casa del Biscione, che presenterà una similare offerta di motorizzazioni, prima auto anche al 100% a batterie del Marchio. Il 2024 sarà anche l’anno di nuova Fiat Panda, attesa a luglio. Crescerà nelle dimensioni, fino a circa 4 metri, pure le con una versione full electric e una ibrida. Resterà essenziale e pratica, per design e tecnologia.

Gran ritorno per Renault 5, una elettrica che richiama lo stile retrò dell’amatissimo modello. Le dimensioni saranno quelle della Clio attuale, poco più di 4 metri, ma grazie al pianale Cmf-B EV disporrà di batterie fino a 50 kWh con potenza intorno ai 150 cv. Oltre a forme sportiveggianti garantirà un comportamento dinamico brillante e una buona autonomia nonostante una vocazione cittadina.

In autunno al Salone di Parigi sarà presentata Bisgter, il modello che segnerà un altro salto di qualità di Dacia. Prima auto del costruttore di stazza importante, 4,5 metri di lunghezza, porterà tecnologia e qualità: con motori benzina, GPL e full hybrid. Il polo del lusso tedesco non rimarrà con le mani in mano. Attesa Audi Q6 e-tron, Suv elettrico della nuova generazione che condivide la piattaforma PPE con il venturo Porsche Macan, anch’esso solo a elettroni.

BMW in autunno farà esordire la X3, ancora più grande, con motorizzazioni tradizionali, benzina, diesel e ibride, in attesa della iX3.

Mercedes lancerà la nuova CLA, anch’essa nativa su un nuovo pianale multi-energia MMA. Design raffinatissimo e autonomia, nella versione elettrica, fino a 750 chilometri.

Spazio anche ai sogni con la nuova Ferrari V12, erede della 812 Superfast, che forse avrà un dodici cilindri duro e puro, senza elettrificazione. Lamborghini invece presenterà l’erede della eccellente Huracan, realizzata interamente a Sant’Agata Bolognese, spinta da un sistema ibrido plug-in di cui il cuore sarà il nuovo V8 bi-turbo di 3.8 litri.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro