Sabato 22 Giugno 2024

Facebook e Instagram, giro di vite sulla pubblicità: le nuove regole

Meta ha annunciato che da febbraio non sarà più possibile per gli inserzionisti conoscere il genere degli utenti adolescenti per gli annunci pubblicitari

Il logo di Meta

Il logo di Meta

Chi propone pubblicità per adolescenti su Instagram e Facebook, dal prossimo febbraio non potrà più scegliere il genere degli utenti che vedranno il suo annuncio. Meta, infatti, ha deciso – come svelato da Bloomberg – di eliminare il genere tra le categorie selezionabili per indirizzare i contenuti pubblicitari destinati al pubblico più giovane che naviga sulle sue piattaforme. In arrivo anche nuove funzionalità per permettere ai minori una migliore gestione degli annunci sponsorizzati. Stop alla pubblicità di genere per gli adolescenti La nuova linea per la pubblicità indirizzata agli adolescenti su Instagram e Facebook servirà – come spiega Meta – a garantire contenuti sempre più “utili e appropriati” alle loro esigenze. Gli inserzionisti, quindi, non potranno più conoscere il sesso degli utenti a cui rivolgono le loro inserzioni e dovranno basarsi unicamente sui dati che l’azienda americana lascia a loro disposizione: l’età e il luogo in cui si trovano. Le nuove regole partiranno da febbraio 2023. Più tutela per i teenager Accanto a questa decisione sono in arrivo ulteriori funzionalità per tutelare gli utenti più giovani. Meta ha infatti annunciato che presto metterà a disposizione degli adolescenti che usano Facebook e Instagram degli strumenti che rendano più semplice le scelte sulle pubblicità che si vogliono ricevere sulle due piattaforme. Si potrà scegliere, ad esempio, se visualizzare o meno annunci su determinati argomenti, compresi anche film, serie TV, eventi sportivi o discipline agonistiche o amatoriali. Meta, inoltre, ha deciso di potenziare la rimozione di contenuti sensibili per proteggere gli adolescenti da interazioni indesiderate e rendere ancora più stringenti le regole per il rispetto della privacy per i suoi utenti più giovani, con limitazioni sulle liste di amici, i tag e i messaggi privati.