Sabato 15 Giugno 2024

La musica mantiene giovani: così gli over 65 combattono la vecchiaia

Alleata preziosa contro le malattie cognitive. Lino Di Lernia, co-fondatore di Over, ha spiegato: “Aiuta molto le persone anziane, così come la socialità e il senso di sicurezza”

La musica è un rimedio contro la vecchiaia

La musica è un rimedio contro la vecchiaia

Roma, 28 maggio 2024 – La musica può essere un “antidoto” per la vecchiaia. Secondo il World Social Report 2023 intitolato ‘Leaving no one behind in an ageing world’ (Non lasciare nessuno indietro in un mondo che invecchia), pubblicato dal Dipartimento degli affari economici e sociali delle Nazioni unite (Un Desa), nel 2050 saranno oltre 1,6 miliardi le persone che nel mondo avranno almeno 65 anni. È importante, quindi, riuscire a rafforzare quanto più possibile il benessere nell’età più anziana. Una delle attività che ha maggior impatto positivo sugli anziani è la musica.

Si stima che nel 2050 ci saranno 114 milioni di persone affette da demenza, condizione che rappresenta una delle principali cause di disabilità e dipendenza nella popolazione anziana. La memoria è una delle abilità cognitive maggiormente colpite dall’invecchiamento. Tra le strategie che ritardano l’invecchiamento mnemonico c’è l’ascolto della musica.

Questa impone richieste uniche al nostro sistema nervoso e influisce sulle aree corticali e sottocorticali. Alcuni studi dimostrano che l'ascolto della musica migliora le capacità cognitive. E, insieme alla musica, sono basilari per la serenità degli over 65 la socializzazione, che non deve mai venire meno, e la certezza di vivere in un luogo sicuro.

Proprio alla base di queste considerazioni, è nato il progetto Residenze Over, "abitazioni smart che offrono all’anziano un ambiente a sua misura e a sua immagine, che contempli la presenza h24 di operatori in grado di assistere l’anziano nel momento del bisogno e in cui possa vivere tranquillo, in compagnia dei suoi coetanei, pronto ad accogliere gli amici e i parenti in visita come in una vera e propria casa”, ha affermato Lino Di Lernia, co-fondatore di Over.

Il Gruppo Over, fondato nel 2020, è nato come risposta all’esigenza degli over 65 autosufficienti e parzialmente non autosufficienti di trovare un luogo in cui vivere e non invecchiare. Ed è proprio seguendo la filosofia del “creare le migliori situazioni possibili per far vivere al meglio gli anziani autosufficienti” che è nata l’idea della Sound Identity per gli ospiti di Over Senior Residence. Tre amiche delle residenze romane – Mariolina e Giacinta, della Over Senior Residence Laurentina, e Rossana, della Aris Garden Senior Living – hanno accettato la sfida di scegliere il brano che meglio rappresentasse la loro vita in Over Senior Living. Le tre amiche hanno trascorso una intera (e divertente) giornata in sala di registrazione dove hanno ascoltato vari brani da associare successivamente alla vita in Over. All’unanimità, le tre amiche hanno scelto una musica capace di trasmettere una sensazione di tranquillità, di brio e di vivacità. Una musica in grado di rappresentare in pienezza la vita dell’over 65 oggi.

Lo studio e la creazione della Sound Identity diventano il centro della filosofia di Over, il trait-d’union tra musica e marketing, con lo scopo di attirare l’attenzione, attivare la memoria e favorire l’identificazione verso un nuovo modo di vivere la terza età.