Mercoledì 24 Aprile 2024

L’intima natura. Così emerge in musica la vera Paola Angeli

’La Vera me’. É questo il titolo del nuovo album e dell’omonimo singolo di Paola Angeli, cantautrice bolognese che usa...

L’intima natura. Così emerge in musica la vera Paola Angeli

L’intima natura. Così emerge in musica la vera Paola Angeli

’La Vera me’. É questo il titolo del nuovo album e dell’omonimo singolo di Paola Angeli, cantautrice bolognese che usa la canzone come strumento introspettivo per analizzare alcuni spazi della propria interiorità. "La vera me – racconta – è un brano molto personale che mi auguro diventi di tutti, se è vero, come scrisse Anaïs Nin, che estremizzando il personale inevitabilmente si finisce con il coinvolgere la coscienza delle persone".

Il suo testo, fortemente pirandelliano, "parla del bisogno di esprimere la nostra vera natura, che non può essere soffocata e che finisce per divorare le maschere che indossiamo quotidianamente per piacere agli altri ma che, purtroppo, finiscono per soffocarci e per tarpare le ali ai sogni più importanti. Io mi definisco un’intimista irreversibile, sono un’introspettiva e mi piace molto andare nel profondo". Un invito essere se stessi a cui Paola Angeli è fedele anche nella sua professione, nonostante "sia difficilissimo, una lotta quotidiana perchè io vado molto controcorrente", enfatizzato anche dal videoclip del brano che, nato da un’idea di Matteo Sambero, lo declina all’attualità e alla necessità di un’apparenza "di plastica", che vive e si estrinseca in un mondo virtuale, dove non è ammesso essere se stessi e mostrare la propria natura, ma diventa necessario sfoggiare una finta bellezza.

L’album, prodotto e arrangiato da Giancarlo Di Maria, racchiude dodici brani (undici originali e una cover di Bob Dylan), che si rivelano una lente che ingrandisce la coscienza di una donna che vive se stessa, tra cui spicca ’La Signorina Marie’ che, dedicato alla voce dei navigatori satellitari, ha prestato il titolo a un format video che Paola Angeli pubblica su diverse piattaforme. Caratterizzati da sonorità elettro-pop che si intrecciano con parti orchestrate "tutti i brani – sottolinea – vogliono essere per il pubblico un invito a fermarsi e per le donne un messaggio che le sproni a essere se stesse e a crescere".

M.S.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro