Giovedì 30 Maggio 2024
LOREDANA DEL NINNO
Magazine

L’artigianato d’autore si mette in vetrina nel cuore di Firenze

Ottantotto anni e non sentirli. Si è aperta ieri a Firenze la Mostra Internazionale dell’Artigianato (MIDA), promossa e organizzata da...

L’artigianato d’autore si mette in vetrina nel cuore di Firenze

L’artigianato d’autore si mette in vetrina nel cuore di Firenze

Ottantotto anni e non sentirli. Si è aperta ieri a Firenze la Mostra Internazionale dell’Artigianato (MIDA), promossa e organizzata da Firenze Fiera, in collaborazione con le principali istituzioni e associazioni di categoria. La manifestazione alla Fortezza da Basso – che chiuderà i battenti il primo maggio – riconferma così il suo record di prima fiera ‘artigiana’ d’Italia, tagliando il traguardo della 88esima edizione.

Gli appassionati del ‘saper fare’ e del bello potranno andare alla scoperta di pezzi unici, visitando gli scrigni di storiche botteghe e i numerosi laboratori esperenziali. Luoghi in cui il know how di maestri artigiani si coniuga con le sperimentazioni delle nuove generazioni. Creatività, bellezza, innovazione e sostenibilità per un futuro del ‘fatto a mano’ – al passo con le nuove tendenze del gusto, dell’ambiente e del mercato – rappresentano le linee guida dalla kermesse.

MIDA 2024 – certificata Iso 20121 come evento sostenibile – è un appuntamento irrinunciabile per chiunque desideri trascorrere una giornata all’interno di una Fortezza storica, nel cuore di Firenze. Nei padiglioni, nelle antiche sale e nei piazzali all’aperto si potrà spaziare tra le mille proposte di abbigliamento e accessori, complementi di arredo, design e innovazione, oreficeria, gioielleria e bigiotteria, bellezza e benessere e artigianato internazionale. O lasciarsi tentare dai sapori della enogastronomia nostrana e multietnica.

La Mostra si conferma in piena salute: lo dimostra il numero degli espositori presenti (530), in crescita del 18% rispetto al 2023, distribuiti su una superficie di 34mila metri quadrati. Un’ulteriore testimonianza della forza di MIDA per il lancio dell’artigianato contemporaneo, che dovrebbe richiamare quest’anno ancor più visitatori, superando i 65mila dell’ultima edizione.

In aumento anche gli espositori stranieri, provenienti da Belgio, Francia, Lituania, Polonia, Spagna, Turchia, Tunisia, Ecuador, Cina Egitto, Costa d’Avorio, Giordania, India, Indonesia, Nepal, Pakistan, Perù, Siria, Singapore, Stati Uniti, Sud Africa, Thailandia Ucraina e Vietnam. Imprese artigiane, designer, progettisti, giovani maker e start up saranno protagonisti a Fortezza da Basso, unendo il fascino della tradizione all’attrattiva delle nuove tecnologie.

Il padiglione Cavaniglia accoglie poi i progetti selezionati e le mostre per la valorizzazione dell’artigianato artistico contemporaneo internazionale, partendo proprio dalla Toscana. L’Archivio Storico della Regione Toscana con l’Archivio del Maggio Musicale e il supporto di Artex mette in campo ’La mostra in mostra: i mestieri artigiani nel teatro’ un percorso emozionale, divulgativo e didattico, di pezzi storici dell’Archivio del Maggio.

Da segnalare tre grandi collettive di artisti cinesi, l’ampia partecipazione di artigiani provenienti dall’Iran e di una cooperativa che arriva dall’Egitto. Venticinque donne esporranno a Firenze manufatti in tessuto, realizzati con la tecnica del Talli – noto anche come Assuit – antica forma di ricamo con filo metallico, a testimonianza del potere del lavoro come strumento di riscatto femminile.