Martedì 18 Giugno 2024
CONTENTS
Magazine

Glitter make-up, il trucco super scintillante per l’estate 2024

Tornano di moda anche nel beauty paillettes e strass che si ispirano agli Anni Venti

Glitter make-up - Crediti iStock Photo

Glitter make-up - Crediti iStock Photo

Lo abbiamo già visto questa primavera e lo ritroveremo anche nei mesi estivi. Nella moda, nelle acconciature e nel make-up si assiste a un revival che ritorna al gusto estetico dei ruggenti Anni Venti, che affascinano anche i giovani della Generazione Z. I principali trend nel mondo del beauty hanno a che vedere con sopracciglia fini e sottili, smokey eye molto intenso, labbra in evidenza con rossetti scuri e cascate di glitter.

Vip

Una precorritrice in questo senso è considerata la musicista Taylor Swift che nel videoclip del brano ‘Bejeweled’ del 2022 mostrava uno sguardo molto luminoso, a contrasto con un lipstick rosso scuro, un po’ come le ballerine dei locali jazz di un secolo fa. Di recente anche altre star come Bella Hadid e Rihanna hanno postato su Instagram delle immagini che le raffiguravano con un make-up di questo tipo, pieno di luce e scintillio.

Luce

Brillantini, paillettes, strass e tutti gli elementi decorativi più lucenti sono i grandi protagonisti del glitter make-up, impreziosito da decorazioni scintillanti applicate in vari punti: lungo l’arcata delle sopracciglia e sulle rime degli occhi, poco sopra l’eyeliner, sotto le palpebre inferiori, sulle labbra, sopra le guance e sulle tempie. Altri trucchi pieni di glitter includono applicazioni trasparenti e liquide che ricordano gocce d'acqua leggere e cristalline.

Fai-da-te

Per replicare un tipo di glitter make-up come quelli visti sulle passerelle in questi mesi o sui social delle celebrities e non solo, ci vogliono una preparazione accurata della pelle e una notevole precisione nella tecnica di realizzazione.

È poi fondamentale utilizzare prodotti di qualità e fissanti per garantire una tenuta duratura e un effetto scintillante senza compromettere la salute della pelle.

Un punto di forza deve essere la base del trucco: neutra, soft e quasi impercettibile. Dopo aver steso una crema idratante di qualità, validi alleati possono essere un buon primer iridescente e un illuminante da stendere su zigomi, naso, mento e tempie. Alcune si trovano bene a usare solo l’illuminante, anche mixato al fondotinta che a sua volta dovrebbe avere una formulazione leggera e dare un aspetto delicato e uniforme all’incarnato. Il colore può essere caricato – sempre con moderazione ed equilibrio – in zone strategiche, per esempio usando blush luminosi nelle sfumature del corallo, del fucsia e del lilla e sugli occhi, con ombretti concentrati, ma ben sfumati, in modo che mettano in risalto i glitter.

Non solo Gen Z

Chi l’ha detto che il glitter make-up può essere portato solo dalle più giovani? Anche se si hanno più di 40 o 50 anni o anche di più un trucco del genere può fare la differenza nelle giuste occasioni, con qualche accorgimento. Tutto sta nell’imparare a dosare l’effetto shine, optando per prodotti arricchiti da micro iridescenze discrete e raffinate.

A fare la differenza possono essere anche pochi tocchi di un ombretto perlato o satinato, magari preferendo tonalità neutre che danno luce senza sottolineare troppo i segni di espressione e dell’età. Questi eye shadow possono essere applicati come se fossero un eyeliner sulle rime ciliari superiori e inferiori oppure al centro della palpebra, nell’angolo interno degli occhi e nell’esterno dell’arcata sopraccigliare per illuminare i punti strategici.

Altri consigli

Per rimuovere il trucco glitterato ci vuole altrettanta attenzione, usando struccanti delicati e facendo una pulizia accurata degli strumenti per evitare irritazioni o infezioni cutanee.

Il trucco glitter e scintillante potrebbe non essere appropriato in alcune situazioni, per esempio negli eventi molto formali e nelle circostanze professionali. Andrebbe evitato anche durante le attività sportive o nei momenti all’aria aperta, nelle giornate di caldo afoso e intenso e soprattutto se si ha una pelle ipersensibile, soggetta ad allergie e intolleranze.