Venerdì 14 Giugno 2024

Giornate Fai di Primavera 2023: quando serve prenotare. Tutte le informazioni utili

Sabato 25 e domenica 26 saranno visitabili 750 siti in 400 città d'Italia. Il ministro Sangiuliano: "Occasione imperdibile"

Giornate Fai di primavera 2023: il borgo di Staffolo (Ancona)

Giornate Fai di primavera 2023: il borgo di Staffolo (Ancona)

Roma, 24 marzo 2023 - Giornate Fai di primavera 2023: per il ministro alla Cultura Gennaro Sangiuliano "sono un’occasione imperdibile per riscoprire e vivere una parte di quell’immenso patrimonio culturale e paesaggistico che, spesso, non è visitabile o è poco conosciuto. Sabato 25 e domenica 26 marzo gli italiani sono invitati a cogliere quest’opportunità che, grazie all’impegno di migliaia di volontari del Fai, di studenti, delle istituzioni, delle associazioni, degli enti pubblici e dei singoli privati coinvolti, permette di accedere a oltre 750 luoghi di 400 città: una parte importante di quel grande museo diffuso che è l’Italia. Un momento prezioso in cui la cultura unisce la nazione in un percorso di conoscenza e presa di coscienza indispensabile".

A questo link l'eleco dei luoghi che si possono visitare

Come partecipare

Nella scheda descrittiva di ciascuna apertura - chiarisce il sito Fai - sono indicate le modalità di partecipazione. Il 90% delle aperture non prevede la prenotazione online. Per accedere ai luoghi è sufficiente presentarsi in loco durante gli orari di apertura: i volontari forniranno tutte le informazioni necessarie per la visita e le indicazioni sui tempi di attesa.

Quando si deve prenotare?

Per l’8% delle aperture, soprattutto nelle grandi città e dove espressamente indicato, la prenotazione online è consigliata perché garantisce l’accesso alla visita. Coloro che prenotano online donano contestualmente il proprio contributo. Nei luoghi dove la prenotazione online è consigliata è comunque possibile presentarsi liberamente in orario di apertura e accedere fino all’esaurimento dei posti disponibili. Per il restante 2% delle aperture, a causa di motivi di sicurezza (sedi istituzionali, caserme, luoghi con spazi ridotti, etc.), l’accesso è possibile soltanto con la prenotazione online e contestuale donazione.

 

Cosa fare se le prenotazioni online sono esaurite

Chiarisce il sito: nel caso le prenotazioni online per un determinato turno di visita fossero esaurite, dove non diversamente indicato, ci si potrà presentare all’ingresso del luogo prescelto in orario di apertura e accedere fino all’esaurimento dei posti disponibili. Sono previsti anche in questo caso accessi prioritari per gli iscritti Fai o per chi si iscrive al Fai in loco.

Bisogna versare un contributo?

Le Giornate Fai di Primavera - precisa il Fondo - si inquadrano nell’ambito delle iniziative di raccolta pubblica di fondi occasionale nel corso delle quali si chiede a coloro che lo desiderano di sostenere il Fai con un contributo minimo. Il contributo suggerito a partire da 3 euro viene chiesto liberamente in piazza. Coloro che prenotano online donano contestualmente il proprio contributo. Il contributo rappresenta una donazione per sostenere la missione di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale italiano che il Fai persegue dal 1975.