21 gen 2022

"Dammi un po’ di Chimica e conquisto Sanremo"

Rettore pronta a infiammare il pubblico con la dance, in duetto con Ditonellapiaga. "Siamo la coppia più spudorata del Festival"

andrea spinelli
Magazine
Rettore (66 anni) con Ditonellapiaga (. Margherita Carducci, 24 anni)
Rettore (66 anni) con Ditonellapiaga (. Margherita Carducci, 24 anni)
Rettore (66 anni) con Ditonellapiaga (. Margherita Carducci, 24 anni)

di Andrea Spinelli Nessuno le può giudicare. La strana coppia Donatella Rettore & Ditonellapiaga sbarca a Sanremo con una Chimica tutta da ballare e come cover da eseguire nella serata del giovedì punta sul più celebrato cavallo di battaglia di Caterina Caselli. Dada e Margherita, Donatella e Ditonella, come già le chiamano sul web, si definiscono la coppia "più spudorata del Festival" e con la loro voglia di dance anni ’70-’80 sono tra le più accreditate a dare una bella scossa ai torpori del pubblico a casa, con tanto di verso della canzone anti-monache ("delle suore me ne sbatto") pure se la Rettore smorza: "Sono andata scuola da loro, mi hanno preso a ceffoni ma anche consolata". Tra la pantera di Castelfranco Veneto e la cantante romana due ci sono 42 anni di differenza, "ma fra le due, la 24enne è lei" giura Ditonellapiaga, ovvero Margherita Carducci (in uscita con l’album Camouflage), da cui è partita l’idea del brano. Donatella, la sua ultima volta all’Ariston è stata nel ’94 con Di notte specialmente. "È la quinta partecipazione, ma i miei successi sono nati altrove. Ho debuttato al Festival nel 1974 con scarsa fortuna, poi ho avuto successo all’estero e non ho più pensato a Sanremo. D’altronde in Italia c’erano tante altre trasmissioni alternative per farsi conoscere: Festivalbar, Saint Vincent, Fantastico e c’era il boom delle tv libere". Cosa non le piaceva di Sanremo? "Il Festival un tempo era molto più faticoso con le sue rivalità, le polemiche, i formalismi. Io ero giovane e sopportavo malissimo tutto questo, gli davo troppo peso". Un disamore a prima vista. "Ricordo che quell’anno, fra le ragazze, debuttammo in quattro. La più brava, Rossella, arrivò ultima nonostante avesse un pezzo di Riccardo Cocciante e una voce alla Aretha Franklin. Io che ho un’anima trasparente ma l’occhio ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?