Caccia alla renna in tutta Italia, ma è un gioco di art sharing

Una caccia al tesoro molto particolare: trovare piccole renne di terracotta sparse su tutto il territorio nazionale, per promuovere la bellezza nascosta

caccia-alla-renna-in-tutta-italia-ma-e-un-gioco-di-art-sharing

Si chiama “Reindeer hunting: la bellezza è intorno a noi”, l’insolita caccia al tesoro che partirà il 12 dicembre e coinvolgerà tutta Italia. L’iniziativa è stata  pensata dall’artista Maurizio De Rosa, che ha distribuito su tutto il territorio nazionale 999 piccole renne, sue creazioni realizzate in terracotta. Da domenica parte la caccia: chiunque potrà cercarle e portarsele a casa o cambiarle di posto. Ogni renna ritrovata sarà accompagnata da un messaggio e ha lo scopo di valorizzare le aree italiane poco considerate.

 

Caccia alla renna, come partecipare

De Rose, che si definisce tessitore di argille, dopo aver sparso per tutto il territorio nazionale le sue 999 opere, lancerà sui suoi profili social alcuni indizi, utili per ritrovarle. Seguendo le indicazioni, tutti potranno partire alla ricerca delle renne di terracotta. Ogni oggetto nascosto sarà accompagnato da un biglietto arrotolato, che contiene le regole generali per partecipare a un gioco collettivo. Tra queste, per chi riesce a scovare il nascondiglio, anche il suggerimento di fotografare la piccola renna e il luogo in cui si trovava, condividere lo scatto sui social e accompagnarlo con l’hashtag #Trovalarenna.

 

Il tema della bellezza nascosta

Nei bigliettini nascosti insieme alle opere d’arte, oltre alle regole della caccia al tesoro, ci saranno anche frasi e riflessioni di artisti, docenti e artigiani incentrate sul tema della bellezza. Lo scopo principale dell’iniziativa è infatti quello di spingere tutti i giocatori a guardarsi intorno e a osservare con occhi diversi e più attenti molti luoghi finora passati inosservati.

Quella messa in campo con questa iniziativa è una forma di arte partecipata ma anche di art sharing. Il pubblico, grazie alla ricerca, non è solo fruitore dell’arte, ma inizia fare attivamente parte dell’opera. Utilizzando i mezzi messi a disposizione dalla rete (come l’apposito hashtag #Trovalarenna), inoltre, ogni cercatore può diventare anche il tassello di una grande iniziativa di condivisione che punta alla promozione del territorio italiano.