Con il sostegno di:

Bigoli al ragù

Uno dei piatti forti proposti dall'Antica trattoria Santimaria di Vo', una realtà che ha fatto la storia della ristorazione popolare

Uno dei piatti forti proposti dall’Antica trattoria Santimaria di Vo’, in provincia di Padova, una realtà che ha fatto la storia della ristorazione popolare sui Colli Euganei a partire dal famoso pollo alla brace e che oggi, seppure rinnovata dalle terze generazioni, mantiene l’atmosfera casalinga del passato. Tutto cominciò nel 1956  quando un mediatore di ciliegie, attratto dal profumo del pollo che nonna Bertilla stava cucinando, lo volle assaggiare. Nacque così una fortunata storia arrivata ora a Luca e alla moglie, attraverso papà Claudio.

Ricetta per 4 persone

Ingredienti per la pasta
  • 250 gr di semola di grano duro
  • 250 gr di semola di grano tenero
  • 4 uova
Procedimento
Disponete la farina a fontana e al centro rompete le uova, sbattendole e inglobandole pian piano alla farina, iniziate ad impastare fino ad ottenere una consistenza omogenea ed elastica: l’impasto non deve essere tanto bagnato o umido ma deve essere abbastanza ruvido (caratteristica del bigolo, così prende meglio il sugo della pasta) nel caso aggiungere della farina. Lasciate riposare una mezz’ora l’impasto dopodiché usate, in alternativa al vecchio torchio, uno schiacciapatate o tritacarne senza lama. Devono uscire bigoli con una lunghezza di 20-25 cm, da disporre in un vassoio con della farina perché non si attacchino l’un l’altro.
Ingredienti per il ragù
  • 300 gr macinato di manzo
  • 300 gr macinato di maiale
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 1 costa di sedano
  • 250 ml vino bianco secco
  • 300 ml passata di pomodoro
  • olio extravergine di oliva, sale, pepe
Procedimento
Pelate le carote, sbucciate le cipolla e tagliatele a dadini insieme al sedano. Fate riscaldare l’olio in una capiente casseruola e fate soffriggere la dadolata di verdurine a fiamma bassa e mescolate, dopo qualche minuto aggiungete il macinato di manzo e di maiale e mescolate bene per amalgamare tutto, dopo circa 5-6 minuti aggiungete il vino e lasciate evaporare l’alcol. A questo punto versate nella casseruola la passata di pomodoro, mescolate bene e fate andare il vostro ragù per almeno 50 minuti a fiamma bassa, a fine cottura regolate di sale e pepe.
Fate bollire l’acqua per la pasta e immergete i bigoli, quando verranno a galla tirateli su, sono pronti! Devono avere un anima solida e non spappolarsi, scolateli e aggiungete il vostro ragù precedentemente cotto. Buon appetito!