Venerdì 24 Maggio 2024

Ucraina: colpita base in Crimea, “uccisi 30 soldati e distrutto deposito di missili”. Kiev attacca anche fabbrica di bombardieri in Russia

Nella penisola occupata presi di mira sistemi Zircon e S-300. A Kazan un impianto di produzione e riparazione dei bombardieri strategici Tu-22M e Tu-160M. Centrata anche delle più grandi raffinerie del Paese

Roma, 17 aprile 2024 – Doppio attacco ucraino, in Russia e in Crimea, che pare abbia causato ingenti danni alle forze armate di Mosca. Il raid in territorio russo si è spinto oltre mille chilometri dal confine.

Il gruppo di monitoraggio Crimean Wind rende noto che nella notte ci sono state esplosioni e vasti incendi dentro e vicino l'aeroporto militare russo di Dzhankoy, nella penisola annessa unilateralmente da Mosca dieci anni fa. I media ucraini hanno mostrato l'immagine delle fiamme nell'aeroporto postata da Crimean Wind. Secondo i residenti, le esplosioni sono avvenute prima che fosse annunciato l'allarme aereo. "Il satellite VIIRS/Suomi NPP ha registrato sei focolai di potenti incendi presso l'aeroporto militare russo di Dzhankoya. L'ora della ripresa era alle 3,41, ora di Mosca", afferma il canale Telegram. 

Sempre secondo Crimean wind nelll'attacco notturno "circa 30 militari russi sono stati uccisi e circa 80 sono stati feriti. A causa della mancanza di posti sufficienti nell'ospedale di Dzhankoy, i feriti vengono trasportati con elicotteri a Sebastopoli". Unian riporta informazioni secondo cui il deposito di missili Zircon e S-300 dentro l'aeroporto è stato distrutto. L'aeroporto militare è un hub logistico attraverso cui vengono rifornite le truppe russe nelle regioni di Kherson e Zaporizhzhia.

Approfondisci:

Ucraina, arrivano i droni Sokol-300 capaci di volare più di 3.000 chilometri. Kiev non aspetta la tempesta perfetta

Ucraina, arrivano i droni Sokol-300 capaci di volare più di 3.000 chilometri. Kiev non aspetta la tempesta perfetta

Nell’altro colpo di Kiev, droni dell'intelligence militare ucraina hanno attaccato questa mattina la fabbrica di aerei Gorbunov a Kazan, nel Tatarstan, nell'est della Russia, dove vengono prodotti e riparati i bombardieri strategici Tu-22M e Tu-160M. A dare la notizia in questo caso è Rbc-Ucraina citando fonti dei servizi speciali. I mass media locali hanno riferito di esplosioni dentro il perimetro della fabbrica subito dopo le sirene d'allarme. L'azienda è stata evacuata. Rosaviatsia (la Federal agency for air transport of the russian federation) ha dichiarato che negli aeroporti di Kazan, Nizhnyokamsk e Nizhny Novgorod arrivi e partenze sono stati sospesi, scrive Rbc-Ucraina. Inoltre, la SBU (il servizio di sicurezza) e la Direzione principale dell'intelligence ucraina, durante un'operazione congiunta, hanno attaccato con droni la raffineria di petrolio di Taneko nella stessa regione. Questa è una delle cinque più grandi raffinerie di petrolio in Russia.