Sordità congenita, 4 bambini hanno riacquistato l’udito con la terapia genica. L’esperto: prima volta al mondo

L’annuncio dei ricercatori di Shanghai e le sperimentazioni in corso in Europa. Di Lisi: “Ecco a che punto siamo, vi spiego le prospettive”

Quattro bambini sordi dalla nascita hanno ricominciato a sentire grazie alla terapia genica: l'annuncio di Shanghai
Quattro bambini sordi dalla nascita hanno ricominciato a sentire grazie alla terapia genica: l'annuncio di Shanghai

Roma, 29 novembre 2023 – Quattro bambini sordi dalla nascita sono tornati a sentire grazie alla terapia genica. L’annuncio è stato dato dai ricercatori della Fudan University di Shanghai. La prudenza è d'obbligo ma va subito rilevato un primato: “E’ la prima volta al mondo che la sperimentazione avviene su esseri umani, i risultati sono veramente sorprendenti”. Lo spiega Diego Di Lisi, responsabile della Audiologia all'ASL di Torino.

Dottore, quali sono le prospettive?

"Le prospettive sono sicuramente importanti perché la ricerca si sta orientando sulla terapia genica. Ma naturalmente siamo ancora lontani dal poter ottenere risultati su larga scala”.

Quante sono le sperimentazioni avviate in tutto il mondo?

"Sicuramente decine, il centro più importante in Europa è a Parigi, il Necker-Enfants malades. E proprio quegli specialisti, Coulognier e la dottoressa Natalie Loundon, hanno partecipato dal 22 al 24 ottobre a Napoli al meeting in cui si è parlato anche di questi studi”.

Approfondisci:

Avatar cardiologa e quel film di Spielberg. Aranzulla: noi medici e l'intelligenza artificiale, cosa sta succedendo

Avatar cardiologa e quel film di Spielberg. Aranzulla: noi medici e l'intelligenza artificiale, cosa sta succedendo

Perché in Cina sono più avanti?

"Perché in quei paesi hanno meno vincoli dal punto di vista del comitato etico. Quindi, di fatto, questa è la prima applicazione al mondo su bambini. In Europa, invece, siamo ancora alla sperimentazione sugli animali”.  

Su che tipo di sordità è stata applicata la terapia?

"Su un tipo particolare, dovuto alla carenza di un gene, l’otoferlina, che riguarda meno dell'1% dei casi. Naturalmente è più semplice intervenire su questo tipo di sordità”.

Approfondisci:

Torino: “Io, chirurga del cuore delle donne. Ecco perché tante diagnosi sono sbagliate”

Torino: “Io, chirurga del cuore delle donne. Ecco perché tante diagnosi sono sbagliate”

Guardando al futuro?

"Sicuramente gli studi in ambito genico negli ultimi dieci anni hanno fatto passi enormi, abbiamo macchine che sono in grado di identificare fino a 100 mutazioni”.

Insomma, una tappa emozionante.

"Certamente la ricerca si sta dando molto da fare su questo ambito della terapia genica. Siamo a un primo passo in un ambito settoriale molto specifico che però lascia ben sperare di poter arrivare a una maggiore definizione sulle cause della sordità, in futuro. Anche se molto resta ancora da capire”.