Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
18 mag 2022

Solar Orbiter, nuove foto inedite del Sole. "Un dettaglio senza precedenti"

Il passaggio ravvicinato della sonda alla stella ha regalato fotografie mozzafiato dell'atmosfera solare e della corona

18 mag 2022
Mai finora l'atmosfera del Sole era stata osservata cos� da vicino e le prime immagini catturate da questa distanza record si devono alla sonda Solar Orbiter, di Nasa e Agenzia Spaziale Europea (Esa), grazie al contributo di
strumenti italiani, come il coronografo Metis, il primo strumento del suo genere in grado di osservare la corona solare simultaneamente nella banda visibile e ultravioletta. ANSA/SITO ESA ++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTA O PUBBLICATA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE CUI SI RINVIA++
L'atmosfera solare ripresa dal Solar Orbiter (Ansa)
Mai finora l'atmosfera del Sole era stata osservata cos� da vicino e le prime immagini catturate da questa distanza record si devono alla sonda Solar Orbiter, di Nasa e Agenzia Spaziale Europea (Esa), grazie al contributo di
strumenti italiani, come il coronografo Metis, il primo strumento del suo genere in grado di osservare la corona solare simultaneamente nella banda visibile e ultravioletta. ANSA/SITO ESA ++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTA O PUBBLICATA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE CUI SI RINVIA++
L'atmosfera solare ripresa dal Solar Orbiter (Ansa)

Roma, 18 maggio 2022 - Spettacolari e inedite immagini del Sole sono state trasmesse sulla Terra dalla sonda Solar Orbiter, che le ha riprese durante il suo passaggio ravvicinato il 26 marzo, a solo di un terzo della distanza tra il notro pianeta e la sua stella. Una vicinanza che ci ha regalato immagini dell'atmosfera solare mai viste.

Parte del merito delle fotografie mozzafiato delle regioni polari e della corona solare, riprese con un incredibile livello di dettaglio, c'è l'italianissimo coronografo Metis, finanziato e gestito dall'Agenzia Spaziale Italiana. Il Metis è frutto della collaborazione tra un team composto dall'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), dalle Università di Firenze e di Padova, dal Cnr-Ifn e da un consorzio industriale italiano formato da Ohb Italia e Thales Alenia Space Italia. Metis è uno strumento unico, il primo in grado di osservare la corona solare simultaneamente nella banda visibile e ultravioletta, con cui riesce a fornire un quadro molto dettagliato sui processi alla base dell'espansione del plasma solare nello spazio interplanetario.  

Sole, le spettacolari immagini del Solar Orbiter
Sole, le spettacolari immagini del Solar Orbiter

"Grazie alla vicinanza al Sole e alla sua alta risoluzione, Metis ha potuto riprendere immagini della corona solare con un dettaglio senza precedenti, rivelando una struttura 'filamentare' ed estremamente dinamica del plasma e dei campi magnetici in essa presenti", hanno spiegato Asi e Inaf. ". Tali osservazioni aprono la strada a nuove indagini sui processi fisici che determinano l'accelerazione del vento solare e i fenomeni impulsivi, che possono avere un potenziale impatto sullo Space Weather". 

Marco Romoli dell'Università di Firenze e Principal Investigator dello strumento Metis, ha sottolineato: "Le immagini che abbiamo ricevuto da Solar Orbiter mostrano un dettaglio mai visto prima dell'atmosfera del Sole durante il suo rapido ingresso nella nuova fase di attività del ciclo solare".

Il passaggio ravvicinato al Sole il 26 marzo è stato solo il primo di una serie che il Solar Orbiter effettuerà per osservare simultaneamente diversi strati dell'atmosfera solare, raccogliendo altri dati utili alla comprensione dei fenomeni solari che governano l'eliosfera e la meteorologia spaziale. Il prossimo passaggio è previsto per ottobre 2022.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?