Domenica 26 Maggio 2024

"Putin ha seppellito il Paese". Il giallo del presunto audio degli oligarchi russi

Diffuso da Novaya Gazeta Europa e dai media ucrainai. Conversazione attribuita al miliardario russo Farkhad Akhmedov e al produttore musicale Iosif Prigozhin (che però smetisce di essere il protagonista)

Roma, 27 marzo 2023 - Giallo intorno a un audio diffuso da Novaya Gazeta Europa e dai media ucraini in merito a una presunta conversazione telefonica, tra il miliardario russo Farkhad Akhmedov e il produttore musicale Iosif Prigozhin, in cui dicono che "Putin ha seppellito la Russia, ha fottuto tutti e tutto, l'intero Paese, l'intera popolazione". Durante la conversazione, che sarebbe avvenuta due mesi fa, gli interlocutori valutano la leadership russa, condividono la visione di cupe prospettive per la Russia, si mostrano spaventati dalle sanzioni e mostrano un'acuta insoddisfazione per ciò che sta accadendo in relazione all'aggressione contro l'Ucraina evidenziando quello che a loro avviso è l'umore prevalente tra l'élite russa.

Il presidente russo, Vladimir Putin (foto Ansa)
Il presidente russo, Vladimir Putin (foto Ansa)

Putin e le armi tattiche nucleari in Bielorussia: propaganda o minaccia vera?

"Non c'è dubbio che abbiano mandato a put....e il Paese", dice l'interlocutore che sembra essere Iosif Prigozhin. "Stanno incolpando Sergey Shoigu per tutto. Lo stanno chiamando un pezzo di m....a, ovviamente alle sue spalle", dice. L'uomo che sembra essere l'oligarca Akhmedov consiglia a Prigozhin di "vendere tutto", e lamenta che la sua carta è stata bloccata, mentre la sua barca "marcisce", "scrivono che sono un caro amico di Putin! Fan....o. L'ultima volta che ho visto Putin è stato nel 2008".

Iosif Prigozhin ha smentito di essere lui uno dei due che parlano nella registrazione e ha affermato: "Mentre ascoltavo l'audio, anch'io quasi credevo di essere io, le tecnologie odierne, le reti possono essere utilizzate per falsificare non solo una voce ma una conversazione", ha detto. L'audio è trapelato qualche settimana fa, ma solo adesso è finito sui media.