Lunedì 27 Maggio 2024

“Nika fu molestata e uccisa da alcuni agenti iraniani”. La rivelazione sulla 16enne in un documento segreto

La ragazza era scomparsa dopo aver dato fuoco all’hijab in una delle proteste anti-regime che hanno scosso l’Iran nel 2022

La sedicenne iraniana Nika Shakarami (Ansa)

La sedicenne iraniana Nika Shakarami (Ansa)

Roma, 30 aprile 2024 – Nika Shakarami, 16 anni, era scomparsa nel 2022 durante una delle proteste anti-regime che hanno scosso l’Iran nel 2022. A due anni di distanza un fascicolo top secret citato dalla Bbc ha finalmente fatto luce sulla fine della 16enne iraniana. L’adolescente sarebbe stata aggredita sessualmente e uccisa da tre agenti che lavoravano per le forze di sicurezza iraniane.  

Il rapporto contiene dettagli inquietanti di eventi avvenuti nel retro di un furgone sotto copertura in cui le forze di sicurezza stavano trattenendo Nika. Secondo quanto si legge, uno degli uomini l'avrebbe molestata mentre era seduto su di lei. Nonostante fosse ammanettata e immobilizzata, la giovane avrebbe reagito, scalciando e imprecando. I tre esponenti delle Guardie rivoluzionarie l'avrebbero quindi picchiata con i manganelli. La famiglia di Nika ha trovato il suo corpo in un obitorio nove giorni dopo la sua scomparsa. Ma le autorità iraniane hanno negato che la morte di Nika fosse collegata a una manifestazione di protesta e, dopo aver condotto le proprie indagini, hanno affermato che la giovane si era suicidata.

Poco prima di scomparire, Nika era stata ripresa in un video la sera del 20 settembre 2022 vicino al Laleh Park, nel centro di Teheran, in piedi su un cassonetto mentre dava fuoco all'hijab. Altri intorno a lei gridavano "morte al dittatore”, riferendosi al leader supremo dell'Iran, l'Ayatollah Ali Khamenei. Nika Shakarami è diventata un simbolo delle proteste e della lotta delle donne in Iran, il suo nome viene gridato durante le manifestazioni contro le rigide regole del Paese sul velo obbligatorio.