Lunedì 17 Giugno 2024

Chi è Mokhber, il nuovo presidente dell’Iran dopo la morte di Raisi

Il primo vicepresidente è stato nominato, come prevede la Costituzione, dall’ayatollah Khamenei. Entro 50 giorni dovrenno essere indette nuove elezioni

Roma, 20 maggio 2024 – Il primo vicepresidente iraniano, Mohammad Mokhber, è stato indicato ufficialmente dalla Guida Suprema iraniana, Ali Khamenei, come il nuovo presidente ad interim, dopo l'annuncio della morte di Ebrahim Raisi in un incidente aereo.

Approfondisci:

Poteri a Mokhber in Iran, il falco filorusso. Il regime sceglie la continuità dopo la morte di Raisi

Poteri a Mokhber in Iran, il falco filorusso. Il regime sceglie la continuità dopo la morte di Raisi
Mohammad Mokhber
Mohammad Mokhber

Chi è Mokhber, il nuovo presidente

Mokhber è stato eletto primo vicepresidente dopo le elezioni del 2021 che hanno visto Raisi salire al potere, in assenza di reali candidati e con un'astensione record. Di formazione diplomatico, 68 anni, è noto per essere vicino a Khamenei, che nella Repubblica islamica rimane comunque la figura che ha l'ultima parola su tutti i principali dossier.

Le elezioni

Farà parte di un consiglio di tre persone, insieme al presidente del Parlamento Mohammad Bagher Ghalibaf e al capo della magistratura Gholamhossein Mohseni Ejei, incaricato di organizzare nuove elezioni presidenziali entro i prossimi 50 giorni

Mohammad Mokhber, fino ad oggi primo vicepresidente dell'Iran, ricoprirà fino a quando si terranno nuove elezioni il ruolo di Ebrahim Raisi, scomparso dopo che l'elicottero sul quale viaggiava si è schiantato nel nord ovest del Paese.

La costituzione iraniana

Secondo la Costituzione iraniana (l'articolo 131 in particolare), in caso di morte improvvisa del presidente, il primo vicepresidente assume infatti la carica ad interim, con l'approvazione della Guida suprema, mentre nuove consultazioni presidenziali dovranno essere tenute in cinquanta giorni.

La nascita e l’ascesa di Mokhber

Nato nel 1955 a Dezful, nell'ovest del Paese, Mokhber è ritenuto, com'era anche lo stesso Raisi, molto vicino ad Ali Khamenei, la Guida suprema dell'Iran, che nel sistema politico della Repubblica islamica ricopre il ruolo di capo dello Stato mentre il presidente è il capo del governo.

I rapporti con Mosca

Nominato primo vicepresidente dopo la vittoria di Raisi alle elezioni del 2021, Mokhber visitò Mosca lo scorso ottobre assieme a una delegazione di funzionari iraniani che accettò di fornire missili superficie-superficie e droni all'esercito russo, secondo quanto riporta Reuters sul suo sito. Della stessa delegazione facevano parte anche due alti funzionari delle Guardie della rivoluzione iraniana e un funzionario del Consiglio supremo di sicurezza nazionale.

Le sanzioni di Ue e Usa

Nel 2010, l'Unione Europea aveva incluso Mokhber in un elenco di individui ed entità sanzionati per un presunto coinvolgimento in “attività nucleari o missilistiche balistiche” mentre due anni dopo il suo nome è stato cancellato dalla lista. Nel 2013, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha aggiunto ad un elenco di entità sanzionate 37 società supervisionate da Mokhber e anche Setad (Setad Ejraiye Farmane Hazrate Emam - Quartiere generale degli ordini esecutivi dell'Imam), un fondo di investimento legato alla Guida suprema, istituito su ordine del fondatore della Repubblica islamica, l'ayatollah Ruhollah Khomeini, di cui l'attuale vicepresidente era stato in passato il capo.

I ruoli di Mokhber

Mokhber ordinò a funzionari di vendere e gestire le proprietà del fondo, presumibilmente abbandonate negli anni turbolenti che seguirono la rivoluzione islamica del 1979, e di destinare la maggior parte dei proventi in beneficenza.

Mokhber è stato anche presidente del consiglio di amministrazione della Sina Bank e vice governatore del Khuzestan.