Domenica 14 Aprile 2024

Russia, nuovo appello di Yulia Navalnaya in nome del marito morto: “Il 17 alle 12 tutti alle urne contro Putin”

La vedova dell'oppositore rilancia l’iniziativa ‘Mezzogiorno contro Putin’ già appoggiata dal dissidente prima di morire nel carcere artico. Giornalista condannato a 7 anni in Russia per aver criticato la guerra

Mosca, 6 marzo 2024 - Yulia Navalnaya, vedova del dissidente russo Alexey Navalny, lancia un nuovo appello in nome del marito, esortando i russi a recarsi alle urne il 17 marzo alle 12 e votare contro Putin. Navalnaya rilancia così in un video su Instagram l'iniziativa ‘Mezzogiorno contro Putin’ già appoggiata dall’oppositore prima di morire nel carcere nell'Artico in cui era recluso per motivi politici. In Russia le presidenziali sono in programma dal 15 al 17 marzo. 

Approfondisci:

Guerra in Ucraina, affondato pattugliatore russo nel Mar Nero. Usa: “Zelensky non mai ha chiesto soldati stranieri”

Guerra in Ucraina, affondato pattugliatore russo nel Mar Nero. Usa: “Zelensky non mai ha chiesto soldati stranieri”

“Che cosa fare dopo, lo decidete voi”, spiega Yulia Navalnaya nel video-appello. “Potete votare - prosegue - per qualsiasi candidato tranne Putin, potete rovinare la scheda elettorale, potete scrivere a lettere grandi 'Navalny'. E pure se non vedete per niente un senso ad andare a votare, potete semplicemente andare e stare al seggio elettorale e poi voltarvi e tornare a casa”. Navalnaya ha inoltre dichiarato che questa iniziativa “aiuterà a capire che c'è tanta gente” che non appoggia il Cremlino, che “ci circondano persone che anch'esse sono contro la guerra, la corruzione e l'iniquità”. 

Yulia Navalnaya nel video appello su Instagram
Yulia Navalnaya nel video appello su Instagram
Approfondisci:

I funerali di Navalny. In migliaia a Mosca: "Putin è un assassino, la Russia sarà libera"

I funerali di Navalny. In migliaia a Mosca: "Putin è un assassino, la Russia sarà libera"

Giornalista condannato a 7 anni in Russia

Continua intanto la repressione del dissenso in Russia. Il giornalista e blogger russo Roman Ivanov è stato condannato a sette anni di carcere per aver pubblicato sui social messaggi critici contro la guerra in Ucraina. Lo ha annunciato la testata per la quale lavora, RusNews. Il 51enne è stato riconosciuto colpevole di "diffusione di informazioni false" sull'esercito russo dal tribunale di Koroliov.