Controlli della polizia francese alla stazione di Mentone (Ansa)
Controlli della polizia francese alla stazione di Mentone (Ansa)

Ventimiglia, 14  febbraio 2019 -  Polizia francese nella bufera per un intervento sul treno Ventimiglia-Nizza, partito questa mattina dall'Italia. Dopo pochi chilometri, vicino alla stazione di Menton Garavan e già in territorio transalpino, gli agenti della Gendarmerie hanno spruzzato qualcosa, probabilmente spray urticante, per far uscire dei migranti nascosti in un bagno del convoglio. Azione che ha coinvolto anche i viaggiatori presenti sulla carrozza, raggiunti dallo spray e vittime di bruciori e tosse. La situazione ha inevitabilmente generato attimi di confusione e panico. 

LA MAPPA

Secondo il racconto di alcuni pendolari frontalieri citati da Riviera24, gli agenti francesi, ripresi da un video, avrebbero usato un tronchese per aprire la porta del bagno dove erano nascosti i migranti. Dal treno sono scesi i passeggeri che, a causa della sostanza urticante utilizzata poco prima, hanno iniziato a tossire. "Tutti abbiamo incominciato a starnutire - racconta un testimone -. Ci bruciava la gola". "Non vi dico come urlavano", aggiunge un altro, parlando di alcune persone di colore che, sempre stando ai pendolari, sarebbero state fatte scendere dal treno.