Mar Rosso, allarme per i cavi sottomarini: internet nel mirino degli Houthi? Cosa ne pensano gli esperti

Quella rotta, colpita dai miliziani dello Yemen, non è solo strategica per il commercio mondiale: da qui passa il 17% delle connessioni globali

Roma, 6 febbraio 2024 – Mar Rosso strategico per il mondo non solo per il traffico di navi ma anche per le connessioni. Rischia di essere questo il prossimo obiettivo degli Houthi?

Il 17% del traffico mondiale Internet passa sotto il Mar Rosso. E proprio il reticolo di cavi sottomarini per le telecomunicazioni potrebbe essere il nuovo obiettivo degli Houthi, mentre continuano gli attacchi dei miliziani alle navi al largo dello Yemen.

Approfondisci:

Cavi sottomarini, Putin e il rischio spionaggio. L’esperto: “Come difendere un mare di dati strategici”

Cavi sottomarini, Putin e il rischio spionaggio. L’esperto: “Come difendere un mare di dati strategici”
Approfondisci:

Mar Rosso e cavi internet occidentali: il rischio Houthi e le alternative dell’Europa

Mar Rosso e cavi internet occidentali: il rischio Houthi e le alternative dell’Europa
Mar Rosso: i cavi sottomarini per le connessioni internet nel mirino degli Houthi?
Mar Rosso: i cavi sottomarini per le connessioni internet nel mirino degli Houthi?

In un messaggio recente su un canale Telegram legato ai miliziani è stata pubblicata una mappa che mostra le reti nel Mediterraneo, nel Mar Rosso, nel Mar Arabico e nel Golfo Persico accompagnata da un messaggio sibillino: “Sembra che lo Yemen si trovi in una posizione strategica, dal momento che linee internet che connettono interi continenti, non solo Paesi, passino qui vicino”.

Finora, sottolinea Emily Milliken, esperta del Gulf international forum, think tank con sede a Washington, “i cavi sono stati tenuti al sicuro più per il relativo sottosviluppo tecnologico degli Houthi che per mancanza di motivazioni”. E questo perché il gruppo ha combattuto principalmente una guerra di terra contro il governo dello Yemen riconosciuto a livello internazionale e i suoi alleati sauditi ed emiratini: “Di conseguenza, non ha mai sviluppato una marina o un contingente marino altamente addestrato” e, sebbene gli Houthi abbiano mantenuto la capacità di attaccare le navi con missili o barchini, non hanno i mezzi sottomarini necessari per raggiungere i cavi, è l’analisi dell’esperta.

Che poi avverte: “Con il tempo e le opportunità sufficienti, gli Houthi potrebbero essere in grado di adattare alcune delle loro tattiche marittime per colpire le infrastrutture di comunicazione vitali”. In sostanza, se da tempo gli Houthi rappresentano una minaccia per il traffico marittimo internazionale, l’ultima serie di attacchi “sempre più sfacciati del gruppo sottolinea la sua intenzione di svolgere un ruolo più ampio nella regione. E una rete di cavi di comunicazione sottomarini di vitale importanza potrebbe essere il soft target perfetto per il loro prossimo attacco, una possibilità che dovrebbe preoccupare tutte le nazioni che dipendono da queste infrastrutture critiche”.