Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 apr 2022

Julian Assange, ok Corte a estradizione negli Usa. Cosa rischia il fondatore di Wikileaks

Se il governo britannico firmerà l'ordine del giudice, Assange dovrà affrontare un processo per la pubblicazione di file segreti sulle guerre in Iraq e Afghanistan

20 apr 2022
epa07498371 (FILE) - Wikileaks founder Julian Assange speaks to reporters on the balcony of the Ecuadorian Embassy in London, Britain, 19 May 2017 (reissued 11 April 2019). Reports state on 11 April 2019 that Wikileaks founder Julian Assange was arrested at the Ecuadorian Embassy in London. Assange claimed political asylum in the embassy in June 2012 after he was accused of rape and sexual assault against women in Sweden.  EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA *** Local Caption *** 55004940
Julian Assange (Ansa)
epa07498371 (FILE) - Wikileaks founder Julian Assange speaks to reporters on the balcony of the Ecuadorian Embassy in London, Britain, 19 May 2017 (reissued 11 April 2019). Reports state on 11 April 2019 that Wikileaks founder Julian Assange was arrested at the Ecuadorian Embassy in London. Assange claimed political asylum in the embassy in June 2012 after he was accused of rape and sexual assault against women in Sweden.  EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA *** Local Caption *** 55004940
Julian Assange (Ansa)

Londra, 20 aprile 2022 - Julian Assange potrebbe essere estradato negli Usa, dove il fondatore di Wikileaks dovrà affrontare un processo per la pubblicazione di file segreti relativi alle guerre in Iraq e Afghanistan. Il giudice Paul Goldspring della Westminster Magistrates Court ha emesso un ordine formale che dovrà ora essere firmato dalla ministra degli Interni britannica, Priti Patel, la quale avrà fino a due mesi per decidere se confermare o rifiutare la richiesta. La difesa di Assange ha già annunciato che presenterà ricorso entro i termini stabiliti, che termineranno il 18 maggio. Il 14 marzo la Corte Suprema, massimo organo giudiziario del Regno Unito, aveva dato il via libera all'estradizione respingendo il suo ricorso volto a impedirla e aveva incaricato Goldspring di emettere l'ordinanza. Ora la palla passa al governo. 

L'ordine di estradizione nei confronti del fondatore di Wikileaks è stato emesso durante una breve udienza, durata solo sette minuti, dal giudice Goldspring. "In parole povere, ho il dovere di inviare il caso al ministro per una decisione", ha affermato il magistrato. Assange non era presente in aula ma collegato in videoconferenza dal carcere londinese di massima sicurezza di Belmarsh dove è rinchiuso da tre anni. Spetta a Patel la decisione finale sull'approvare il trasferimento negli Usa, che appare scontata se si pensa agli stretti rapporti di Londra con l'alleato americano. È infatti del tutto improbabile che possa negarla ad esempio per una questione relativa ai diritti umani. Resta la possibilità da parte dei legali di Assange di un ricorso all'Alta corte di Londra. Le probabilità di successo sono però ridotte al minimo dopo il lungo iter legale della magistratura britannica e soprattutto il fatto che il mese scorso la Corte suprema si era rifiutata di riesaminare il caso. Fuori dal tribunale di Westminster alcuni attivisti di Wikileaks hanno protestato chiedendo di non estradare l'attivista negli Usa. Assange era riuscito a sposarsi il 23 marzo in carcere con l'avvocatessa sudafricana Stella Morris, la compagna che gli ha dato due figli durante il periodo d'asilo nell'ambasciata ecuadoriana, oggi presente all'udienza nello spazio dedicato al pubblico. 

Cosa rischia Assange

Se Assange verrà estradato negli Usa, rischierà 175 anni di carcere. Gli Stati Uniti avevano presentato ricorso contro la decisione della giustizia britannica che in primo grado aveva negato l'estradizione. Assange è ricercato dagli Stati Uniti per spionaggio in seguito alla diffusione di circa 700.000 documenti segreti militari e diplomatici. Il giornalista 50enne ha trascorso sette anni nell’ambasciata ecuadoriana a Londra, dove si era rifugiato quando era libero su cauzione, prima di venire arrestato dalla polizia britannica nell'aprile 2019 e passare due anni e mezzo nel carcere di massima sicurezza a Belmarsh. 

"A morte la libertà di stampa"

"Il via libera all'estradizione negli Usa per Julian Assange condannerebbe definitivamente a morte la libertà di stampa, il giornalismo investigativo e il diritto dei cittadini ad essere informati pienamente su ciò che li circonda", hanno affermato i parlamentari di Alternativa. "Tutti quei principi e quei valori che fondano la nostra società - proseguono - saranno cancellati con un colpo di spugna. Un gesto che costerà 175 anni di detenzione all'uomo che ha contribuito ad aumentare la consapevolezza di larghi strati della pubblica opinione mondiale rispetto a Governi, uomini di potere, grandi lobby, reti di relazioni ed eventi ben oltre le narrazioni ufficiali. Un gesto che priverà della libertà a vita non solo Julian, che dovrebbe invece tornare ad essere un uomo libero, ma anche tutti noi, erroneamente convinti di vivere in quella parte del mondo dove i diritti delle persone vengono ancora tutelati". 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?