Dopo la saga di Resident Evil, per. Milla Jovovich, 45 anni, è il turno di Monster Hunter
Dopo la saga di Resident Evil, per. Milla Jovovich, 45 anni, è il turno di Monster Hunter
Dagli eroi di carta a quelli fatti di pixel. Le idee scarseggiano e l’industria cinematografica guarda ai videogiochi. Dopo aver riesumato i film cult degli anni Ottanta (vedi Il Principe cerca figlio con Eddie Murphy e l’imminente Top Gun 2, col pilota Tom Cruise, 35 anni dopo) e saccheggiato l’immaginario di fumetti e supereroi Marvel e Dc, è in arrivo una infornata di pellicole che provano a trasferire sul grande schermo le saghe videoludiche di maggior successo. Non è un inedito assoluto – il film su Super Mario Bros, per dire, risale al 1993 – ma l’elenco dei prodotti in uscita o in preparazione entro l’anno (o nel 2022, causa pandemia) è nutrito. Oggi il compito degli sceneggiatori appare più semplice: un tempo bisognava sudare per cercare di dare spessore a una trama, come quella della maggioranza dei...

Dagli eroi di carta a quelli fatti di pixel. Le idee scarseggiano e l’industria cinematografica guarda ai videogiochi. Dopo aver riesumato i film cult degli anni Ottanta (vedi Il Principe cerca figlio con Eddie Murphy e l’imminente Top Gun 2, col pilota Tom Cruise, 35 anni dopo) e saccheggiato l’immaginario di fumetti e supereroi Marvel e Dc, è in arrivo una infornata di pellicole che provano a trasferire sul grande schermo le saghe videoludiche di maggior successo. Non è un inedito assoluto – il film su Super Mario Bros, per dire, risale al 1993 – ma l’elenco dei prodotti in uscita o in preparazione entro l’anno (o nel 2022, causa pandemia) è nutrito.

Oggi il compito degli sceneggiatori appare più semplice: un tempo bisognava sudare per cercare di dare spessore a una trama, come quella della maggioranza dei videogame, che era poco più di un pretesto; ora molte delle avventure per Playstation e Xbox hanno una profondità tale da essere già film fatti e finiti. Lo sforzo maggiore è azzeccare il cast, un incasso di base è garantito dalla grande popolarità dei personaggi presso i gamer.

Arti marziali e combattimenti tra guerrieri dotati di superpoteri sono il succo di Mortal Kombat, il cui debutto è previsto il 16 aprile al cinema negli Stati Uniti e su piattaforma Hbo. Il film è ispirato al celebre picchiaduro ideato nel 1992 da Midway Games e giunto all’undicesimo capitolo su console. La prima trasposizione risale al 1995, un piccolo cult: il montaggio serrato ricreava la struttura del videogame, uno scontro dopo l’altro fino all’avversario finale. Anche in questa nuova versione, affidata a un regista esordiente, i fan confidano di rivedere sullo schermo le ‘combo’, ovvero le complicate mosse riprodotte col joypad, dei loro beniamini: da Raiden, dominatore dei fulmini al cyborg Kano, passando per il glaciale ninja SubZero.

Ispirato al filone in stile Indiana Jones e alla lunga saga di videogiochi iniziata nel 2007, è invece Uncharted (traducibile con ‘Inesplorato’). Il cast è di tutto rispetto: Tom Holland (Spider-Man), sarà Nathan Drake, avventuriero erede del pirata Sir Francis Drake, affiancato da Mark Whalberg e Antonio Banderas.

Il prequel targato Sony, le cui riprese sono state rallentate dalla pandemia (anche lo stesso Banderas si è ammalato di Covid) racconterà le origini dell’eroe, alla costante ricerca di tesori nascosti. La data di uscita, inizialmente prevista per luglio, è slittato a febbraio 2022. Ancora nel limbo invece Tomb Raider 2, sequel del film con la svedese Alicia Vikander nei panni di Lara Croft, una delle eroine femminili digitali più amate dai videogiocatori (l’esordio nel 1996) e già interpretata da Angelina Jolie nei primi anni Duemila.

Non mancano, del resto, gli attori e le attrici veterani del filone. È il caso di Milla Jovovich, già Alice della saga a base di zombie e mutazioni, Resident Evil. Dopo 6 capitoli in sala, gli appassionati dovranno accontentarsi del prequel senza la modella (in arrivo anche una serie animata), ma Milla – sempre accompagnata dal marito regista Paul S. Anderson – sarà protagonista di Monster Hunter, tratto da un videogame best seller nel mondo. Il Capitano Artemis (la Jovovich, appunto) e il suo gruppo di soldati vengono trasportati in un mondo infestato da draghi e mostri giganti: combattimenti e scene spettacolari sono assicurate. Il film, è uscito negli Stati Uniti a fine 2020, ma aspetta ancora una data per la distribuzione italiana.

Le piattaforme di streaming, del resto, non stanno a guardare: Last of Us (prodotta da Hbo), cruda storia di sopravvivenza in un mondo devastato da un’epidemia, nonché uno dei più profondi videogame mai realizzati, si candida come possibile erede di The Walking Dead; Amazon risponde con il serial Fallout, altra nota avventura grafica con scenario post-apocalittico, e Netflix sta mettendo a punto la seconda serie del fantasy The Witcher. I più piccoli, infine, non trattengano il fiato per il film su Minecraft: troppi ostacoli produttivi, il mondo a cubetti del fenomeno on line dovrà attendere ancora per avere la sua trasposizione con anche attori in carne e ossa.