Guerra in Ucraina, il drammatico appello di Olena Zelenska: “Se il mondo si stanca di aiutarci moriremo”

La first lady ucraina preoccupata per lo stop ad ulteriori aiuti voluto dai senatori repubblicani Usa. Anche la decisione del Cio sugli atleti russi fa discutere le autorità di Kiev. Dal fronte: l’esercito di Mosca sta chiudendo l’accerchiamento di Avdiivka

Voldymyr Zelensky e la moglie Olena

Voldymyr Zelensky e la moglie Olena

Roma, 9 dicembre 2023 - La guerra in Ucraina continua senza sosta, ma qualcosa sta cambiando e Kiev sente che l'attenzione del mondo, degli alleati e dei media, sta venendo meno. Drammatico l'appello in tal senso della first lady ucraina Olena Zelenska in una intervista alla Bbc: "Se il mondo si stanca di aiutarci, ci lascerà semplicemente morire. Per noi è una questione vitale". In cima alle preoccupazioni della moglie del presidente Zelensky c'è il forte ritardo negli aiuti al suo Paese, dopo che in Usa i senatori repubblicani hanno bloccato un disegno di legge per ulteriori 60 miliardi di dollari all'Ucraina. "Ci fa molto male vedere segnali che l'appassionata disponibilità può affievolirsi. Per noi è vitale. Fa male vedere ciò che sta succedendo". Anche la mossa del Cio, di permettere agli atleti russi e bielorussi di gareggiare l'anno prossimo alle Olimpiadi come neutrali, se non sostengono l'invasione, è stata accolta da Kiev come un segnale negativo a livello internazionale. "I membri del Comitato Olimpico Internazionale che hanno preso questa decisione hanno la responsabilità di incoraggiare la Russia e la Bielorussia a continuare l'aggressione armata contro l'Ucraina", ha sottolineato in una nota il Ministero degli Esteri ucraino.

Sul campo di battaglia per Kiev le cose non vanno meglio, infatti terminata la controffensiva le forze russe hanno ripreso coraggio e avanzano nell'oblast di Donetsk. Secondo l'Institute for the Study of War (Isw) il Cremlino, dopo l'annuncio di Vladimir Putin di voler presentarsi nuovamente alle presidenziali, avrebbe ordinato al suo esercito di prendere Avdiivka, e forse Kupyansk prima delle elezioni del marzo 2024. Ieri le immagini satellitari mostravano l'Armata a ridosso dell'impianto di depurazione a sud di Krasnohorivka, 5 chilometri a nordovest di Avdiivka, nel Donetsk. Inoltre L'Isw sottolinea anche l'esercito russo sta avanzando anche nel settore di Novokalynove, 13 chilometri a nordest di Avdiivka, cercando così di chiudere l’accerchiamento iniziato ad ottobre.

Più a sud invece è la Crimea l'obiettivo dell'esercito ucraino, il ministro della Difesa ucraino, Rustem Umerov, in tv ha affermato che le forze di Kiev si stanno preparando per dare nel 2024 l'assalto definitivo per costringere i russi a lasciare la Crimea per sempre. Intanto non si arresta la pioggia di missili di Mosca sull'Ucraina: solo ieri un totale di 19 missili da crociera Kh-101/Kh-555, di cui 14 sono stati distrutti, fa sapere il comando di difesa ucraino.