Domenica 14 Luglio 2024

Ucraina, ipotesi grande offensiva di Mosca nel 2024. Ft: ecco le città nel mirino

Intanto la Russia mantiene circa 21.800 militari vicino al confine settentrionale con il Paese. Secondo le forze di sicurezza di Kiev: non è escluso un altro tentativo di occupare Kharkiv o la Capitale

Roma, 19 gennaio 2024 – Sarà un 2024 ad altissima tensione sul fronte ucraino, con il timore che questo possa allargarsi (prima o poi) anche nel Nord Europa. Tanto che la Nato ha avviato una maxi esercitazione e i Paesi Baltici hanno annunciato una linea di difesa contro Mosca. La Russia potrebbe pianificare una grande offensiva sul fronte in Ucraina nell'estate del 2024, sostiene il Financial Times in un articolo, citato da Rnc-Ucraina. L'articolo, che cita forze di sicurezza ucraine, scrive che l'obiettivo dell'offensiva potrebbe essere la completa occupazione delle regioni di Donetsk, Lugansk, Kherson e Zaporizhzhia. Inoltre, secondo le autorità, non è escluso un altro tentativo di occupare Kharkiv o Kiev.

Approfondisci:

I Paesi baltici si blindano contro la minaccia russa: “Costruiremo sistemi di difesa ai confini”

I Paesi baltici si blindano contro la minaccia russa: “Costruiremo sistemi di difesa ai confini”

Black out nei Gps di Polonia e Svezia. “Così la flotta russa oscurava le esercitazioni nel Baltico”

Per iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui

Ventimila uomini nel confine Nord

Intanto la Russia mantiene circa 21.800 militari vicino al confine settentrionale con l'Ucraina, dove la situazione è attualmente sotto controllo, scive su Facebook il comandante delle Forze armate unite di Kiev, Sergii Nayev, come riporta Rbc-Ucraina. “Per ora la situazione nella Zona Operativa Nord resta sotto controllo”, ha affermato Nayev. “Nel frattempo, sul territorio della Federazione Russa, l'avversario ha creato e mantiene un gruppo con un numero totale di circa 20mila persone - ha aggiunto -. Le unità nemiche conducono costantemente ricognizioni, bombardano le zone di confine e aumentano attivamente le attrezzature ingegneristiche e fortificate dell'area”.

Approfondisci:

La maxi-esercitazione anti-Russia della Nato con 90mila uomini e il dossier con lo scenario da Terza guerra mondiale

La maxi-esercitazione anti-Russia della Nato con 90mila uomini e il dossier con lo scenario da Terza guerra mondiale
Un miliare ucraino a Zaporizhia (Ansa)
Un miliare ucraino a Zaporizhia (Ansa)

Il caso dell’aereo radar A-50

Sempre oggi il ministero della Difesa britannico nel suo aggiornamento di intelligence ha segnalato che la Russia ha schierato un altro aereo di rilevamento radar a lungo raggio A-50 per sostituire quello abbattuto dalle forze ucraine questa settimana sulla costa settentrionale del Mar d'Azov. Questa volta, tuttavia, l'A-50 opererà più lontano dai confini dell'Ucraina: “all'interno del territorio russo, vicino alla regione di Krasnodar, più a est dell'Ucraina”, si legge nel rapporto pubblicato su X.

"Mosca tentata di preservare gli aerei rimanenti”

La decisione di Mosca, commentano gli esperti di Londra, "è molto probabilmente indicativa di una ridotta propensione al rischio e di un tentativo di preservare i rimanenti A-50 a scapito della sua efficacia complessiva sull'Ucraina”. Nonostante Mosca non abbia espresso una posizione ufficiale sulla perdita dell'A-50, questa decisione “dimostra probabilmente un tacito riconoscimento russo di un'operazione di successo da parte degli ucraini contro una risorsa aerea di alto valore”, conclude il rapporto. 

Attacco di Kiev a un deposito di petrolio

E questa mattina l'Ucraina ha rivendicato la responsabilità dell'attacco a un deposito di petrolio nella regione russa di confine di Bryansk. Una fonte dell'intelligence militare ucraina ha riferito all'Afp che è stato ha lanciato un drone contro il deposito, in un momento in cui Kiev ha moltiplicato i suoi attacchi al territorio russo per diverse settimane. Ieri l'Ucraina ha attaccato un altro deposito di petrolio nel nord della Russia nella regione di San Pietroburgo.

Russia, incendio nel deposito di petrolio (Ansa)
Russia, incendio nel deposito di petrolio (Ansa)