Guerra in Medio Oriente, raid di Israele a Beirut: ucciso il numero due di Hamas Saleh al-Arouri

Continua l’escalation del conflitto iniziato il 7 ottobre, si entra in una fase caldissima

Roma, 2 gennaio 2024 –  Sale ancora la tensione attorno alla guerra in Medio Oriente, che dal 7 ottobre sta vivendo una escalation di violenze e ritorsioni impressionate. In un'esplosione oggi pomeriggio nel quartiere Msharafieh alla periferia meridionale di Beirut, roccaforte del gruppo sciita Hezbollah, sono rimaste uccise sei persone: il numero due di Hamas Saleh al-Arour e

Kalil Al Hayya, un alto funzionario e membro del politburo di Hamas. 

Beirut, il palazzo colpito dal raid israeliano dove è stato ucciso Al Arouri
Beirut, il palazzo colpito dal raid israeliano dove è stato ucciso Al Arouri

21:16
Hezbollah: "L'assassinio di al-Arouri non rimarrà impunito"

Hezbollah, il gruppo libanese pro-iraniano alleato di Hamas, ha assicurato che l'"assassinio" del numero due del movimento palestinese Saleh al-Arouri, avvenuto nel suo feudo nella periferia sud di Beirut, "non rimarrà impunito". "Il crimine dell'assassinio di Saleh al-Arouri nel cuore della periferia sud di Beirut è una grave aggressione contro il Libano e non rimarrà senza risposta o impunito" si legge in un comunicato di Hezbollah, che da tre mesi lancia ogni giorno attacchi contro Israele dal sud del Libano.

20:30
"Hamas non sarà mai sconfitto"

"Un movimento i cui leader e fondatori cadono come martiri per la dignità del nostro popolo e della nostra nazione non sarà mai sconfitto". Lo ha detto il leader di Hamas Ismail Haniyeh in un discorso televisivo dopo l'uccisione del suo numero due, Saleh al-Arouri, in raid a Beirut attribuito a Israele. "È la storia della resistenza e del movimento che, dopo l'assassinio dei suoi leader, diventa ancora più forte e determinato" ha aggiunto. 

20:08
Haniyeh: "A Beirut uccisi sette esponenti di Hamas"

Il capo dell'ufficio politico di Hamas, Ismail Haniyeh, ha identificato i sette membri del gruppo palestinese rimasti uccisi oggi a Beirut, in Libano, in un attacco attribuito a Israele. Lo riporta al Jazeera.  Oltre al suo numero due, Saleh al-Arouri, sono rimasti uccisi due comandanti delle Brigate al Qassam, Samir Findhi e Azzam Al Aqra, e i membri dell'organizzazione Mahmoud Zaki Shahin, Mohammad Bashasha, Mohammad Al Rayes e Mohammad Hamoud.  Secondo il leader di Hamas, l'attacco "dimostra, ancora una volta, la brutalità perpetrata dall`occupazione contro il nostro popolo", ammonendo che "l'occupazione è responsabile di qualsiasi ripercussione".
 

19:57
Uccisi anche altri due responsabili di Hamas

Assieme a Saleh Arouri, altri due dirigenti di Hamas in Libano sono stati uccisi nel raid attribuito a Israele e compiuto a Beirut: si tratta di Samer Fendi, anche noto come Abu Amer, e Azzam Aqraa, conosciuto come Abu Ammar. Entrambi avevano un ruolo nella gestione delle Brigate Qassam, l'ala armata di Hamas, in Libano. Samer Fendi è indicato come il responsabile dei lanci di razzi di Hamas dal sud del Libano verso postazioni dell'esercito israeliano. Mentre Azzam Aqraa è descritto come il braccio destro di Arouri in Libano. In precedenza era stata riportata la notizia dell'uccisione anche di Khalil al Hayya, alto funzionario di Hamas a Beirut ma il movimento islamico ha smentito poco fa la sua morte.
 

19:34
Axios: "Israele non ha avvisato gli Stati Uniti prima dell'attacco di Beirut"

Due fonti Usa hanno confermato al sito Axios la responsabilità israeliana dell'attacco messo a segno oggi a Beirut, in Libano, costato la vita al numero due dell'ufficio politico di Hamas, precisando che Israele non ha informato gli Stati Uniti prima dell`attacco.  Un alto funzionario israeliano ha confermato al giornalista Barak Ravid che Israele non ha avvisato gli Stati Uniti, precisando che Israele ha informato l'amministrazione Biden "mentre l`operazione era in corso".
 

19:26
"Stop ai negoziati dopo l'assassinio di al-Arouri"

Fonti diplomatiche arabe hanno annunciato in serata ad Haaretz che l'assassinio di al-Arouri a Beirut ha interrotto i negoziati per un accordo tra Israele e Hamas, e ora i colloqui si stanno concentrando sulla prevenzione dell'escalation, soprattutto nel nord di Israele. Secondo le fonti coinvolte nei colloqui mediati da Egitto e Qatar, "l'assassinio ha cambiato la situazione e ora non è possibile alcun progresso. Lo sforzo ora è quello di garantire che qualsiasi risposta, soprattutto dal Libano, sia misurata e consentire l'eventuale prosecuzione dei negoziati".

19:01
Esercito di Israele: "Siamo in stato di allerta elevata"

"Siamo in stato di allerta elevata di fronte a qualsiasi sviluppo": lo ha affermato il portavoce militare Daniel Hagari. Per il momento, ha aggiunto, "siamo concentrati nella guerra a Gaza". Hagari ha inoltre consigliato alla popolazione di seguire con attenzione le istruzioni che giungono dal comando delle retrovie.

18:18
Difesa Usa: "Israele responsabile del raid contro Al-Arour"

Un funzionario della Difesa statunitense ha riferito al Washington Post che Israele è responsabile del raid aereo su Beirut in cui è stato ucciso il numero due di Hamas, Saleh Al-Arouri. Il funzionario, ha precisato il quotidiano americano, ha parlato a condizione di anonimato. Israele non ha ancora confermato la responsabilità dell'attacco, ma anche i media libanesi parlano di un presunto raid di un drone dello Stato ebraico.

18:01
Media libanesi: "Ucciso anche alto funzionario di Hamas"

Nel raid di Israele nell'ufficio di Hamas alla periferia di Beirut sarebbe stato ucciso anche Kalil Al Hayya, un alto funzionario e membro del politburo di Hamas. Lo riportano i media libanesi. 

17:55
Sei morti nell'attacco a Beirut

Sei persone, tra cui il vice leader di Hamas Saleh al-Arouri, sono state uccise oggi in un attacco di droni israeliani alla periferia meridionale di Beirut. Lo hanno riferito i media statali fornendo un nuovo bilancio delle vittime. "Il numero dei martiri è salito a sei", in un attacco di droni che ha preso di mira un incontro di fazioni palestinesi in un ufficio di Hamas nella periferia meridionale di Beirut, una roccaforte degli Hezbollah sostenuti dall'Iran, l'Agenzia nazionale di stampa libanese (Nna) ha precisato. In precedenza si parlava di quattro morti.

17:31
Hamas: non piegherete la resistenza

Un alto funzionario di Hamas ha affermato che l'assassinio del numero due del movimento in un attacco avvenuto a Beirut e attribuito a Israele non metterà in ginocchio la "resistenza". "I codardi omicidi compiuti dall'occupante sionista contro i leader e i simboli del nostro popolo palestinese dentro e fuori la Palestina non riusciranno a spezzare la volontà e la resilienza del nostro popolo, né a ostacolare la continuazione della sua coraggiosa resistenza", ha affermato Ezzat al-Rishq, membro dell'ufficio politico di Hamas. 

17:14
Hamas conferma: ucciso vicecapo dell'ala politica

La televisione Hamas ha annunciato l'"assassinio" da parte di Israele del vicecapo della sua ala politica, nella periferia meridionale della capitale libanese Beirut. Saleh al-Arouri e' stato ucciso in un "attacco sionista", ha detto Hamas sul suo canale ufficiale. Un funzionario di alto livello della sicurezza a Beirut ha riferito che Arouri è stato ucciso durante l'attacco israeliano insieme alle sue guardie del corpo nella periferia meridionale della capitale libanese, che e' una roccaforte di Hezbollah, alleato di Hamas. 

Saleh al Arouri, nel cerchio, con Ismail Haniyeh, capo dell'ufficio politico di Hamas
Saleh al Arouri, nel cerchio, con Ismail Haniyeh, capo dell'ufficio politico di Hamas
17:13
Israele riunisce il gabinetto di guerra

Il gabinetto di guerra di Israele si è riunito al ministero della difesa di Tel Aviv, secondo quanto preannunciato fin dalla mattinata. Finora da parte israeliana non c'è stato alcun commento sull'attacco avvenuto a Beirut.

16:52
Hezbollah: "Ucciso numero due di Hamas, Saleh al-Arouri"

 Il gruppo libanese Hezbollah ha detto al quotidiano L'Orient le Jour che il numero due dell'ufficio politico di Hamas, Saleh al-Arouri, sarebbe rimasto ucciso nell'esplosione avvenuta oggi nella periferia meridionale di Beirut. Secondo l'agenzia di stampa libanese Nna l'attacco sarebbe stato messo a segno da Israele con un drone e avrebbe causato quattro morti e diversi feriti.

16:25
Israele colpisce ufficio di Hamas a Beirut

I media statali libanesi affermano che Israele ha colpito l'ufficio di Hamas alla periferia di Beirut.