Guerra in Medio Oriente, tank israeliani nel centro di Khan Yunis. L’Onu: “A Gaza si profila scenario ancora più infernale”

Bombardamenti e offensiva via terra sulla Striscia fino a Rafah, raid a Jenin. Media: pronto il piano per allagare i tunnel di Hamas con l’acqua di mare. Per le Idf sono 137 gli ostaggi ancora da liberare e oggi il premier israeliano incontra i parenti

Roma, 5 dicembre 2023 – Carri armati di Tel Aviv nel centro di Khan Yunis, l’Onu che prevede per Gaza scenari ancora più infernali. Continua l’escalation militare di Israele contro Hamas e, dopo la fine della tregua della scorsa settimana, l’offensiva viene estesa anche nel sud di Gaza. I bombardamenti sono ripresi su tutta la Striscia, nella notte i raid hanno colpito soprattutto Jabalia.

Un militare israeliano in azione
Un militare israeliano in azione

In Cisgiordania c’è stata una maxioperazione anche a Jenin, così come proseguono le ostilità sul confine con il Libano dove sono stati attaccati ulteriori siti di Hezbollah che, a sua volta, rivendica di aver colpito mezzi militari israeliani.

Secondo il bilancio diffuso da Hamas, le vittime nella Striscia di Gaza da inizio guerra lo scorso 7 ottobre sono arrivate ad almeno 15.900, il 70% donne e bambini. Oggi è previsto un incontro del premier israeliano Netanyahu con le famiglie degli ostaggi che chiedono una nuova tregua per andare avanti nelle operazioni di rilascio: secondo le forze di difesa israeliane (Idf) sono 137 gli ostaggi ancora in mano ad Hamas. É in programma in Qatar il summit del Consiglio di cooperazione degli stati del Golfo arabo.

Le ultime notizie

22:40
Usa: "L'attuale attacco di terra durerà fino a gennaio"

L'attuale operazione di terra a Gaza "durerà diverse settimane" e poi "entro gennaio" Israele passerà ad una strategia "a bassa intensità e iperlocalizzata" che prenda di mira militanti e leader di Hamas. Lo riferiscono alti funzionari della Casa Bianca alla Cnn

19:36
Netanyahu: "Striscia va smilitarizzata. Non accetterò presenza forze internazionali"

"La Striscia di Gaza va smilitarizzata e solo l'esercito israeliano può garantirlo". Lo ha detto il premier Benyamin Netanyahu riferendosi al destino dell'enclave palestinese alla fine della guerra. "Non accetterò - ha spiegato - alcun accordo che preveda nel luogo una forza internazionale", ha spiegato. 

19:22
Hamas: "Siamo pronti a una guerra lunga. Israele assetato di sanue"

''Non importa quanto a lungo durerà la guerra'', i miliziani di  Hamas ''sono pronti a sostenerla''. Lo ha dichiarato in una conferenza stampa a Beirut il rappresentante di Hamas in Libano, Osama Hamdan, che ha accusato Israele di essere ''assetata di sangue''. Affermando che ''non ci sarà uno scambio di prigionieri'', ovvero non verranno liberati ostaggi in cambio di detenuti palestinesi ''fino a quando continuerà l'aggressione'', Hamdan ha detto che sono ''irraggiungibili'' gli obiettivi israeliani nella Striscia di Gaza. E il premier israeliano Benjamin Netanyahu è ''responsabile'' di questo fallimento. 

16:37
L'esercito Israeliano ha circondato la città di Khan Younis

L`esercito israeliano sta circondando Khan Younis, la città più grande nel sud della Striscia di Gaza, lanciando la terza fase dell'operazione di terra contro il gruppo estremista palestinese 
Hamas. Lo ha annunciato oggi in conferenza stampa il capo di stato maggiore delle forze di difesa israeliane, il generale Herzi Halevi.

15:48
Netanyahu: "Ostaggi? Ora è impossibile riportarli tutti in Israele"

Al momento non è possibile riportarli tutti" in Israele, ha detto il premier israeliano Benjamin Netanyahu alle famiglie degli ostaggi portati a Gaza il 7 ottobre da Hamas e altre milizie islamiste affiliate. Lo riporta Haaretz

14:08
Allarme a Tel Aviv e nel centro di Israele per i razzi lanciati da Gaza

Le sirene di allarme anti razzi da Gaza sono da poco risuonate a Tel Aviv e nel centro di Israele mandando la gente nei rifugi. Lo ha constatato l'ANSA sul posto. Secondo i media sono stati circa 15 i razzi lanciati dalla Striscia e alcuni sono stati intercettati. Secondo le stesse fonti, schegge sono cadute nell'area del porto di Tel Aviv e altre vicine a una scuola. A Holon, non molta distante da Tel Aviv, un'auto è stata colpita dai frammenti del razzo intercettato.

13:41
Israele: "Hamas ha drogato gli ostaggi prima di liberarli"

Il ministero della Sanità israeliano ha riferito al Comitato Sanitario della Knesset che agli ostaggi liberati da Hamas furono somministrati tranquillanti prima di essere consegnati alla Croce Rossa per il loro trasferimento in Israele. L'obiettivo sarebbe stato quello di far apparire gli ostaggi calmi, felici e ottimisti dopo aver subito abusi fisici, privazioni e terrore psicologico per più di 50 giorni a Gaza.

13:21
Edificio di Ashkelon colpito da razzo di Hamas

Nell'ultima offensiva lanciata da Gaza verso il sud di Israele, un razzo ha colpito un edificio ad Ashkelon, città costiera a non molta distanza dalla Striscia. Lo hanno riferito i media aggiungendo che non ci sono state vittime, ma alcune persone sono state assistite per attacchi di panico.

12:24
Israele: altri due soldati morti. Il totale è salito a 80

L'esercito israeliano ha annunciato la morte in combattimento a Gaza di altri due soldati. Il totale dei militari deceduti - dall'inizio dell'operazione di terra nella Striscia - è ora arrivato a 80.

12:22
Onu: "A Gaza si profila uno scenario ancora più infernale"

"Le condizioni necessarie per portare aiuti alla popolazione di Gaza non esistono. Se possibile, sta per aprirsi uno scenario ancora più infernale, in cui le operazioni umanitarie potrebbero non essere in grado di rispondere": lo afferma la Coordinatrice umanitaria dell'Onu, Lynn Hastings, in una dichiarazione pubblicata sul sito dell'organizzazione.

12:21
Tank israeliani nel centro di Khan Yunis

Carri armati israeliani sono stati visti nel centro di Khan Yunis, nel sud della Striscia. Lo hanno riferito fonti locali secondo cui in precedenza avevano manovrato nelle zone agricole di Karara, Khuzaa ed Abassan. Secondo le stesse fonti, i tank israeliani hanno bloccato la strada che unisce Khan Yunis a Rafah. Il portavoce militare israeliano in arabo Avichai Adraee ha invitato chi vuole raggiungere Rafah a passare lungo la strada costiera.

10:13
Londra conferma i voli di ricognizione per contribuire a salvare gli ostaggi


Il Governo britannico ha confermato oggi che il ministero della Difesa di Londra parteciperà alle operazioni di ricerca degli ostaggi trattenuti a Gaza con voli di ricognizione sopra la parte orientale del Mediterraneo all'interno dello spazio aereo sopra Israele e la Striscia di Gaza. I velivoli non trasporteranno armi e non saranno ingaggiati in operazioni da combattimento. Alle autorità interessate verranno consegnate unicamente le immagini utili alle operazioni di soccorso degli ostaggi, ha precisato il Governo. 

09:46
Le famiglie degli ostaggi incontreranno Netanyahu

In Israele, le famiglie degli ostaggi nelle mani di Hamas a Gaza dovrebbero incontrare oggi, alle 13.30 ora locale, il gabinetto di guerra. Lo riferisce la stampa locale. Ieri un gruppo che rappresenta le famiglie ha annunciato che avrebbe organizzato un sit-in permanente davanti al quartier generale dell'esercito israeliano fino a quando il governo di Benjamin Netanyahu non li avesse incontrati. 

08:46
Erdogan: "Processate Israele per crimini di guerra"

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha nuovamente chiesto che l'amministrazione israeliana sia processata per "crimini di guerra" e ha sottolineato l'importanza di un "sostegno a livello internazionale a tale fine come anche di azioni legali". Il leader turco ha parlato durante un incontro con l'emiro del Qatar, lo sceicco Tamim bin Hamad Al Thani, a Doha, dove si trova in visita ufficiale con una delegazione del Governo di Ankara. Durante il colloquio, Erdogan ha affermato che la Turchia "continua a facilitare l'adeguato invio di aiuti umanitari a Gaza" riporta la presidenza della Repubblica turca.

07:55
Israele alza l'allerta per i viaggi in Francia, Regno Unito e Germania

In Israele, il Consiglio di sicurezza nazionale ha alzato il livello di allerta per i viaggi che gli israeliani vorranno fare in diversi Paesi europei, tra cui Francia, Regno Unito e Germania. La loro classificazione indica una "potenziale minaccia" in questi Paesi e aumenta il livello di allerta a due su cinque. "Non stiamo dicendo agli israeliani di non andare in Europa, ma di essere piu' vigili del solito", ha riferito un alto funzionario dell'istituto. Israele invita i connazionali a "evitare di esporre cartelli israeliani ed ebraici ed evitare assembramenti", ma ha chiarito che e' possibile partecipare agli eventi di Hanukkah tenuti in luoghi sicuri. "Non stiamo dicendo di non andare agli eventi, ma proprio come gli israeliani possono andare, cosi' possono fare le organizzazioni terroristiche. In un evento con molti partecipanti, e' meglio essere in un luogo sicuro" ha aggiunto la fonte

06:43
Israele: altri tre soldati morti a Gaza, il bilancio sale a 78

L'esercito israeliano ha annunciato la morte in combattimento a Gaza di altri tre soldati. Il totale dall'inizio delle operazioni di terra nella striscia è ora salito a 78. Il portavoce militare ha riferito anche che 4 soldati sono stati feriti gravemente ieri nel nord di Gaza.

06:25
L'allarme degli Usa: "Hamas dice no alla tregua per impedire notizie sugli stupri a Gaza"

Il rinnovo della tregua a Gaza sarebbe fallito perché il movimento islamico palestinese Hamas, sospettato di stupri contro le donne in ostaggio e di violenza sessuale durante il suo assalto a Israele il 7 ottobre, non vuole che testimonino. "Sembra che uno dei motivi per cui non vogliono liberare le donne che tengono in ostaggio e per cui questa pausa è stata interrotta è perché non vogliono che queste donne raccontino ciò che è accaduto loro dal momento della detenzione" ha spiegato ai giornalisti il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller.

06:05
Violenti scontri a Khan Younis e raid verso Rafah

Nella notte, violenti scontri hanno avuto luogo vicino a Khan Younis, mentre raid aerei israeliani sono stati compiuti verso Rafah, all'estremità meridionale della Striscia di Gaza. Lo hanno riferito alcuni testimoni all'Afp. L'agenzia palestinese Wafa, da parte sua, ha detto che "diversi" morti si sono registrati in un attacco a Gaza City, più a nord.

05:07
Idf: "Ci sono ancora 137 ostaggi da liberare"

"Ci sono ancora 137 ostaggi nelle mani dei terroristi di Hamas a Gaza. Tra questi, 17 sono donne e bambini". Lo scrivono su X Forze di Difesa israeliane (Idf), aggiungendo: "Abbiamo l'obbligo morale di continuare a fare di tutto per riportare tutti a casa".

04:15
Raid a Jenin: schierati 50 blindati e 4 bulldozer

Le forze armate israeliane hanno schierato oltre 50 veicoli blindati e quattro bulldozer in un raid effettuato nella notte nella città di Jenin, in Cisgiordania, e in particolare nel suo campo profughi. Lo riferisce l'agenzia di stampa palestinese Wafa. In queste ore, riporta l'emittente Al Jazeera, sarebbero in corso scontri armati al centro di Jenin. 

03:48
Almeno 63 giornalisti e operatori media uccisi a Gaza

Almeno 63 giornalisti e operatori dei media sono stati uccisi a Gaza, in Israele e in Libano dall'inizio del conflitto il 7 ottobre.  Lo stima il Comitato per la protezione dei giornalisti (Cpj), riportata dalla Cnn. Il bilancio delle vittime comprende 56 giornalisti palestinesi, quattro israeliani e tre libanesi. 

02:04
Idf: colpiti numerosi siti di Hezbollah

Le Forze di difesa israeliane (Idf) affermano di aver colpito nelle ultime ore numerosi siti di Hezbollah in Libano a seguito di attacchi transfrontalieri da parte del movimento islamista. In un comunicato sul loro account X le Idf affermano che aerei da combattimento hanno colpito diverse postazioni di lancio, "infrastrutture terroristiche" e una struttura militare di Hezbollah.

00:40
Israele: inviati 180 camion di aiuti a Rafah

Circa 180 camion di aiuti umanitari internazionali sono stati inviati ieri al valico di Rafah per entrare a Gaza. Lo riferiscono le autorità di Israele. I camion che trasportano cibo, acqua, attrezzature mediche e altri rifornimenti sono stati inviati "su richiesta dell'amministrazione statunitense e in coordinamento con l'Egitto".

23:54
Media: pronto il piano di Israele per allagare i tunnel di Hamas

Israele ha preparato un piano per allagare il sistema di tunnel di Hamas sotto la Striscia di Gaza con acqua pompata dal Mar Mediterraneo. Lo riporta un'inchiesta del Wall Street Journal, ripresa dal The Times of Israel. Citando funzionari statunitensi, l'articolo afferma che il mese scorso le forze di difesa israeliane hanno installato cinque grandi pompe idriche vicino al campo profughi di al-Shati a Gaza City, in grado di allagare la rete sotterranea in poche settimane pompando migliaia di metri cubi d'acqua all'ora nei tunnel.