Mercoledì 24 Aprile 2024

Golpe in Russia, gli americani sapevano dei piani di Prigozhin (e hanno lasciato fare)

Secondo Washington Post e New York Times Casa Bianca e Dipartimento avevano segnali da settimane e mercoledì hanno avvertito la Casa Bianca. Che ha scelto di non interferire per non essere accusata di essere coinvolta

Roma, 25 giugno 2023 – Che le agenzie di sicurezza americane abbiamo fonti eccellenti in Russia è noto: quando nessuno in Europa credeva all’invasione dell’Ucraina loro ne erano sicuri. E purtroppo avevano ragione. Adesso dai media americani più importanti (e meglio informati su quanto accade tra Pentagono e Langley, in Virginia, dove ha sede la CIA) arriva la notizia che le agenzie di sicurezza americane sapevano dei piani di Prigozhin. 

Russia, Prigozhin a Rostov il 24 giugno (Getty Images)
Russia, Prigozhin a Rostov il 24 giugno (Getty Images)

“Le agenzie di spionaggio statunitensi - scrive il Washington Post - hanno raccolto informazioni a metà giugno che indicavano che il capo dei mercenari Wagner, Yevgeniy Prigozhin, stava pianificando un'azione armata contro l'establishment della difesa russa - che ha a lungo accusato di aver gestito male la guerra in Ucraina - e hanno informato urgentemente la Casa Bianca e altre agenzie governative in modo da non essere colti di sorpresa, hanno dichiarato sabato diversi funzionari statunitensi. L'esatta natura e i tempi dei piani di Prigozhin non erano chiari fino a poco prima della sua sorprendente presa di controllo di un comando militare e della corsa dei carri armati verso Mosca venerdì e sabato, hanno detto i funzionari. Ma ‘c'erano abbastanza segnali per poter dire alla leadership... che c'era qualcosa in ballo’, ha detto un funzionario statunitense.

Approfondisci:

Putin, da Lavrov a Naryshkin: cerchio magico spezzato. Ora lo zar non sa di chi può fidarsi

Putin, da Lavrov a Naryshkin: cerchio magico spezzato. Ora lo zar non sa di chi può fidarsi

"I funzionari dell'intelligence americana - conferma il New York Times - hanno informato mercoledì alti funzionari militari e dell'amministrazione che Yevgeny Prigozhin, il leader del gruppo mercenario Wagner, si stava preparando a intraprendere un'azione militare contro alti funzionari della difesa russa, secondo quanto riferito da funzionari che hanno familiarità con la questione. Le agenzie di spionaggio statunitensi avevano avuto indicazioni giorni prima che Prigozhin stava pianificando qualcosa e hanno lavorato per affinare quel materiale in una valutazione definitiva, hanno detto i funzionari”. 

Wagner a Rostov (foto Getty Images)
Wagner a Rostov (foto Getty Images)

Ma stavolta hanno tenuto l’informazione riservata. “A differenza dell'invasione iniziale, quando i funzionari statunitensi hanno declassificato l'intelligence e poi l'hanno rilasciata per cercare di dissuadere Putin dall'invasione - spiega il New York Times - le agenzie di intelligence hanno taciuto sui piani di Prigozhin. I funzionari statunitensi ritenevano che se avessero detto qualcosa, Putin avrebbe potuto accusarli di aver orchestrato un colpo di Stato. E chiaramente avevano poco interesse ad aiutare Putin a evitare una grave e imbarazzante frattura del suo sostegno”.

Secondo il Washington Post non solo gli americani ma anche gli ucraini e lo stesso Putin sapevano che Prigozhin stava architettando un golpe. “Le agenzie di intelligence statunitensi - scrive - ritengono che anche Putin sia stato informato che Prigozhin stava tramando qualcosa. Anche se non è chiaro quando sia stato informato, "sicuramente più di 24 ore fa", ha detto un funzionario americano.

Non è chiaro perché Putin non abbia agito per impedire a Prigozhin di prendere il comando militare o di attaccare Mosca”. Tutti o quasi tutti sapevano, nessuno ha agito in anticipo. Una trama da spy story che probabilmente non ha finito di dispiegarsi in tutti i suoi segreti, confessabili o meno.

Approfondisci:

Quando il golpe contro Gorbaciov fallì (anche) per colpa della vodka

Quando il golpe contro Gorbaciov fallì (anche) per colpa della vodka