Domenica 26 Maggio 2024

Il Giappone regala 7mila euro a figlio alle famiglie che lasciano Tokyo: ecco perché

L'incentivo del governo di un milione di yen va ad aggiungersi ai tre già disponibili come sostegno finanziario

Giapponesi alle celebrazioni per il nuovo anno (Epa)

Giapponesi alle celebrazioni per il nuovo anno (Epa)

Tokyo, 3 gennaio 2023 - Le famiglie che decidono di lasciare Tokyo per trasferirsi in zone rurali, scarsamente popolate, verranno 'premiate'. Il governo, infatti, offre un milione di yen, pari a 7.500 dollari/7.153 euro, per ogni bambino delle famiglie in questione. 

Secondo il Guardian, l'incentivo sarà introdotto ad aprile. Sebbene la popolazione di Tokyo sia diminuita per la prima volta lo scorso anno, una tendenza in parte attribuita alla pandemia di coronavirus, il governo ritiene che si dovrebbe fare di più per ridurre la densità di popolazione della città e incoraggiare le persone a iniziare una nuova vita in zone del Paese "fuori moda" che sono state colpite dall'invecchiamento, dal calo della popolazione e dalla migrazione dei giovani verso Tokyo, Osaka e altre grandi città.

Può interessarti anche: Covid Cina: in Giappone obbligo di tampone. La Ue: allo studio nuove misure di prevenzione

Corea del Nord, la svolta tattica di Kim. Dalle minacce nucleari al calendario-propaganda

L'incentivo - che va ad aggiungersi ai 3 milioni di yen già disponibili come sostegno finanziario - sarà offerto alle famiglie che vivono nei 23 quartieri 'core' di Tokyo e nelle vicine prefetture della cintura dei pendolari di Saitama, Chiba e Kanagawa. La popolazione della terza economia più grande del mondo ha subito un calo record di 644.000 persone nel 2020-21, secondo i dati del governo. Si prevede che crollerà dagli attuali 125 milioni a circa 88 milioni nel 2065, un calo del 30% in 45 anni.

Mentre il numero di ultrasessantacinquenni continua a crescere, il tasso di natalità rimane ostinatamente basso a 1,3 bambini, ben al di sotto del 2,1 necessario per sostenere l'attuale dimensione della popolazione. Nel 2021, il numero di nascite è stato di 811.604, il più basso da quando i registri sono stati tenuti per la prima volta nel 1899. Al contrario, il numero di centenari è di oltre 90.500, rispetto ai soli 153 del 1963.