Giovedì 13 Giugno 2024

Gaza, il procuratore della Corte penale internazionale chiede l’arresto di Sinwar e Netanyahu. “Crimini di guerra e contro l’umanità”

Il presidente israeliano: uno scandalo. Herzog: “Oltraggioso tracciare paralleli”. Biden: “Vergognoso”. Hamas: Cpi mette sullo stesso piano vittima e carnefice. Raid di Israele su Rafah. Uccisi due capi militari dei miliziani palestinesi

Roma, 20 maggio 2024 - Il procuratore capo della Corte penale internazionale (Cpi), Karim Khan, ha dichiarato di voler emettere mandati d'arresto per il premier israeliano Benjamin Netanyahu e il capo di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar per crimini di guerra e contro l'umanità. Un annuncio che suscita reazioni infuocate da ambo le parti: Israele parla di “scandalo”, mentre Hamas dice che la Cpi “mette sullo stesso piano vittima e carnefice”.

Almeno tre persone sono morte e altre otto sono rimaste ferite in bombardamenti israeliani che stamattina hanno colpito Rafah, nel sud della Striscia di Gaza. 

Approfondisci:

Raisi, elezioni presidenziali in Iran il 28 giugno. Una commissione indagherà sull’incidente in elicottero

Raisi, elezioni presidenziali in Iran il 28 giugno. Una commissione indagherà sull’incidente in elicottero
Approfondisci:

Attacco israeliano a Nuseirat: almeno 20 morti. L’Onu: “Sono 800mila le persone fuggite da Rafah”. Iran: “Negoziati indiretti con gli Usa in Oman”

Attacco israeliano a Nuseirat: almeno 20 morti. L’Onu: “Sono 800mila le persone fuggite da Rafah”. Iran: “Negoziati indiretti con gli Usa in Oman”
A sinistra Netanyahu, a destra Sinwar
A sinistra Netanyahu, a destra Sinwar

Nei recenti attacchi aerei israeliani nella Striscia sono stati uccisi anche due capi

militari di Hamas.

Le notizie in diretta

17:30
Blinken: respingiamo mandato di arresto per Netanyahu

Il segretario di stato si è soffermato sulle questioni procedurali definendole "profondamente preoccupanti" e ha poi chiarito che "nonostante non fosse membro della corte, Israele era disposto a collaborare con il pubblico
ministero", che la prossima settimana doveva atterrare a Tel Aviv. Blinken ha aggiunto che lo staff della Procura della CPI "sarebbe dovuto sbarcare in Israele oggi per coordinare la visita" e invece "Israele è stato informato che non erano saliti sul volo nello stesso momento in cui il procuratore era andato in televisione per annunciare le accuse". Il segretario di stato ha aggiunto che queste azioni "mettono in dubbio la legittimità e la credibilità di questa indagine", spiegando che questa decisione non aiuta a raggiungere un accordo per il cessate il fuoco, il rilascio degli ostaggi e l'assistenza.

17:21
Biden: "Vergognosa"

"La richiesta del procuratore della Corte penale internazionale di mandati di arresto contro i leader israeliani è vergognosa. E vorrei essere chiaro: qualunque cosa questo procuratore possa implicare, non esiste
alcuna equivalenza - nessuna - tra Israele e Hamas. Saremo sempre al fianco di Israele contro le minacce alla sua sicurezza": cosi il presidente Usa Joe Biden in una nota.

14:51
Herzog: oltraggioso tracciare paralleli tra Hamas e il nostro governo

Il presidente israeliano Isaac Herzog ha definito "più che scandalosa" la decisione del procuratore della Corte penale internazionale (Cpi) Karim Khan di richiedere mandati di arresto per il primo ministro Benjamin Netanyahu e il ministro della Difesa Yoav Gallant.  "Presa in malafede, questa mossa unilaterale rappresenta un passo politico unilaterale che incoraggia i terroristi in tutto il mondo", ha scritto Herzog su X prima di definire "oltraggioso" qualsiasi tentativo di tracciare paralleli tra i leader di Hamas e il governo democraticamente eletto di Israele.  "Non dimenticheremo chi ha iniziato questa guerra e chi ha violentato, massacrato, bruciato, brutalizzato e rapito cittadini e famiglie innocenti", ha scritto ancora, aggiungendo che si aspetta che "tutti i leader del mondo libero condannino apertamente questa mossa".

14:05
Netanyahu: "Uno scandalo"

"È uno scandalo. Questo non fermerà nè me nè noi". Così il premier Benyamin Netanyahu, citato dai media, ha definito ad una riunione del Likud la mossa del Procuratore della Cpi contro di lui e il ministro della difesa Yoav Gallant. 

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu (Ansa)
Il premier israeliano Benjamin Netanyahu (Ansa)
12:49
Katz: da Cpi attacco frontale alle vittime del 7 ottobre

"La scandalosa decisione del Procuratore Generale della Corte penale dell'Aja è un attacco frontale e senza riserve contro le vittime del 7 ottobre e i nostri 128 rapiti a Gaza". Lo ha detto il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz. "Mentre gli assassini di i Hamas commettono crimini contro l'umanità contro i nostri fratelli e sorelle", il Procuratore "cita contemporaneamente il primo ministro e il ministro della Difesa dello Stato di Israele insieme agli abominevoli mostri nazisti di Hamas". "Una vergogna storica - ha detto - che sarà ricordata per sempre".

12:28
Gantz contro Cpi: "Crimine di proporzioni storiche"

Il ministro israeliano Benny Gantz ha attaccato la richiesta di mandati d'arresto avanzata dal procuratore capo della Corte penale internazionale (Cpi) Karim Khan nei confronti del premier israeliano, Benjamin Netanyahu, del ministro della Difesa Yoav Gallant, del capo di Hamas a Gaza yahya Sinwar, del capo dell'ufficio politico Ismail Haniyeh e il capo delle brigate Ezzedin al-Qassem Mohammed Deif. Si tratta di "un crimine di proporzioni storiche", ha commentato, sottolineando che "tracciare un parallelo tra i leader di un Paese democratico determinato a difendersi dal terrorismo spregevole e i leader di un'organizzazione terroristica assetata di sangue e' una profonda distorsione della giustizia e un palese fallimento morale".

11:56
Hamas: Cpi mette sullo stesso piano vittima e carnefice

La decisione della Cpi "mette sullo stesso piano la vittima con il carnefice". Lo ha detto - citata dai media internazionali e ripresa da Haaretz - una fonte di Hamas secondo cui questo "incoraggerà la continuazione della guerra di sterminio".

11:54
Fonte israeliana: "Ipocrisia e vergogna internazionale"

"Ipocrisia e vergogna internazionale". Così una fonte politica israeliana - citata da Ynet - ha definito la richiesta del Procuratore capo della Cpi di richiedere l'emissione di mandati di arresto contro il primo ministro Benjamin Netanyahu e il ministro della Difesa Yoav Gallant.

11:19
Procuratore Cpi chiede anche l'arresto di Sinwar

Il procuratore della Corte penale internazionale Karim Khan ha chiesto alla Camera preliminare del tribunale dell'Aja di emettere mandati di arresto anche nei confronti dei leader di Hamas Yahya Sinwar, Mohammed Deif, Ismail Haniyeh e Diab Ibrahim Al Masri per "crimini di guerra e contro l'umanità" commessi in Israele e nella Striscia di Gaza dal 7 ottobre 2023. 

11:14
Procuratore Cpi chiede mandato d'arresto per Netanyahu

Il procuratore capo della Corte penale internazionale ha chiesto alla Camera preliminare del tribunale di emettere mandati di arresto contro il premier israeliano Benyamin Netanyahu e il suo ministro della Difesa Yoav Gallant per "crimini di guerra e crimini contro l'umanità" nella Striscia di Gaza dall'8 ottobre 2023.

11:09
Israele: continuano operazioni Idf a Jabalya, a Gaza nord

L'esercito israeliano sta continuando a colpire "obiettivi terroristici nell'area di Jabalya" nel nord della Striscia e anche nel centro. Lo ha fatto sapere il portavoce militare secondo cui sono state scoperte "armi in una struttura dell'Unrwa ed eliminati terroristi" in combattimenti ravvicinati. Secondo la stessa fonte, in un raid è stato centrato un gruppo di operativi che avevano lanciato un razzo anticarro verso le truppe. Nelle ultime 24 ore sono stati circa 80 gli obiettivi colpiti dall'esercito in tutta la Striscia. 

10:10
Gallant a Sullivan: "Impegnati a smantellare Hamas a Rafah"

Il ministro della difesa Yoav Gallant ha confermato al consigliere nazionale per la sicurezza Usa Jake Sullivan che Israele "ha l'obbligo morale" di smantellare i battaglioni di Hamas a Rafah e di riportare indietro gli ostaggi. Lo ha fatto sapere il suo ufficio secondo cui Gallant ha anche illustrato a Sullivan "i piani intrapresi a Gaza che integrano le attività operative sul terreno. Ciò include sforzi significativi per evacuare la popolazione civile a Rafah, facilitare la fornitura di servizi umanitari e operare in modo preciso per evitare danni ai civili non coinvolti". I due hanno anche discusso "le tensioni sul confine settentrionale di Israele" e Gallant ha denunciato "la continua aggressione di Hezbollah e il rifiuto di raggiungere una soluzione diplomatica" che mettono a rischio "di una significativa escalation".

07:02
Israele: colpite postazioni Hezbollah nel Libano sud

Durante la notte l'esercito israeliano ha colpito postazioni militari degli Hezbollah nel sud del Libano. Lo ha detto il portavoce militare, indicando le zone di Blida, Jibbain e Odaisseh e anche di Chihine.

06:57
Due capi militari di Hamas uccisi a Gaza

Due capi militari di Hamas che prestavano servizio anche come alti ufficiali nella polizia del gruppo palestinese sono stati uccisi nei recenti attacchi aerei israeliani nella Striscia di Gaza. Lo annunciano l'esercito israeliano e lo Shin Bet. Si tratta di Zaher al-Houli, un alto ufficiale di polizia nel centro di Gaza, che è stato preso di mira ieri da un attacco con droni. Secondo l'IDF, al-Houli era un membro dell'ala militare di Hamas oltre al suo ruolo di alto livello nella polizia. "Come parte delle sue attività, Zaher ha mantenuto contatti con altri terroristi dell'organizzazione e ha lanciato attacchi terroristici contro il fronte interno israeliano", dicono i militari. Sabato un altro attacco ha ucciso Rami Khalil Faki, che secondo l'IDF è un membro dell'ala militare di Hamas, oltre al suo ruolo di alto ufficiale nella polizia di Nuseirat.