Martedì 23 Aprile 2024

Zelensky incontra Erdogan a Istanbul. Allerta Usa su Mosca: “Rischio attentati nelle prossime 48 ore"

L’alert della Farnesina: “Evitare assembramenti”. La Gran Bretagna invia altri 10mila droni all’Ucraina

Roma, 8 marzo 2024 – Allarme attentato “nelle prossime 48 ore a Mosca”. A lanciarlo è l’ambasciata statunitense in Russia che nella notte italiana ha pubblicato un'allerta sul proprio sito web, consigliando ai cittadini americani di evitare i grandi raduni nella capitale russa nei prossimi due giorni a causa di possibili attacchi terroristici. “L'ambasciata sta monitorando notizie secondo cui estremisti hanno piani imminenti per prendere di mira grandi raduni a Mosca, inclusi i concerti, e i cittadini statunitensi dovrebbero essere avvisati di evitare grandi raduni nelle prossime 48 ore”, si legge nel messaggio ripreso anche dal ministero degli Esteri britannico sul proprio sito. E anche la Farnesina suggerisce di “evitare assembramenti” agli italiani presenti in Russia, senza però far riferimento all’allarme dell’ambasciata Usa. Ieri i servizi d'intelligence del Cremlino hanno detto di avere sventato un piano dell'Isis per attaccare una sinagoga nella capitale. 

Usa: "Rischio attentati a Mosca nelle prossime 48 ore"
Usa: "Rischio attentati a Mosca nelle prossime 48 ore"

Giornata intensa sul fronte diplomatico. Istanbul sarà al centro dei colloqui tra il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il leader turco Tayyip Erdogan. In cima all'agenda, oltre al conflitto in Ucraina, anche l'accordo sul grano. La Gran Bretagna, nel frattempo, ha annunciato l’invio di altri 10mila droni a Kiev. 

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui

Le news di oggi live

17:19
Zelensky e Erdogan a colloquio: rafforzeremo coproduzione con società di difesa turche

 "Ho iniziato il mio incontro con il Presidente turco Erdogan. Sono grato alla Turchia per il suo sostegno all'Ucraina. Entrambi i nostri paesi, l'intera regione e la sicurezza alimentare globale richiedono la sicurezza incondizionata della navigazione nel Mar Nero. Possiamo raggiungere questo obiettivo lavorando insieme". A scriverlo, su X, è il presidente ucraino Volodymyr 
Zelensky, in visita in Turchia.  "Siamo interessati a rafforzare la cooperazione bilaterale e la coproduzione con le società di difesa turche", prosegue. "Abbiamo bisogno anche dell'aiuto della Turchia per liberare i nostri prigionieri di guerra e tutta la nostra gente, compresi i tatari di Crimea, tenuti prigionieri dalla Russia".

15:32
Zelensky in Turchia per incontrare Erdogan 

 Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è arrivato a Istanbul, in Turchia, accompagnato dal ministro della Difesa, Rustem Umerov. Lo riporta l'agenzia di stampa turca Anadolu.  Zelensky incontrerà il presidente turco Recep Tayyip Erdogan per discutere degli sviluppi del "conflitto in corso tra Ucraina e Russia, dei contatti per il proseguimento dell'accordo sul corridoio del grano e degli sforzi per una pace duratura nella regione", secondo la nota della presidenza turca. I due leader "discuteranno anche dei rapporti bilaterali".  L'ultima visita di Zelensky in Turchia risale al 7 luglio 2023, ricorda Anadolu.

12:53
Mosca, due persone uccise dai droni ucraini in regione russa di Belgorod

Due persone sono state uccise e una terza ferita nella regione russa di Belgorod in un attacco di droni kamikaze ucraini, secondo quanto reso noto dal governatore, Vyacheslav Gladkov. L'attacco, ha precisato il governatore, è stato compiuto con tre droni kamikaze che si sono abbattuti sul villaggio di Rozhdestvenka, nel distretto di Grayvoronsky.

12:33
Lettonia, Riga ordina l'espulsione di 6 russi senza permesso di soggiorno

La Lettonia ha ordinato l'espulsione di sei cittadini russi senza permesso di soggiorno. Due di loro hanno lasciato il Paese e altri quattro dovranno farlo entro 30 giorni, ha annunciato la responsabile dell'autorità per la migrazione, Maria Roze. Il provvedimento è stato preso in seguito alla riforma della legge sull'immigrazione dell'autunno del 2022 in risposta all'invasione russa dell'Ucraina. Ogni cittadino russo che vuole fare richiesta di un permesso di soggiorno permanente deve dimostrare di saper parlare il lettone a un livello di base in un test. Chi non sosterrà il test, dovrà lasciare il Paese. Un quarto dei circa 1,9 milioni di lettoni hanno origini russe. Una parte significativa di loro non ha cittadinanza lettone.

11:08
Il ministro della Difesa britannico a Kiev

Il ministro della Difesa britannico Grant Shapps è a Kiev per "dare l'allarme". "Cosa si direbbe se consentissimo che un Paese democratico viene conquistato da un dittatore come Putin? Cosa si direbbe dei nostri valori di libertà e democrazia?", ha affermato. "E non deve per forza finire così. Perché possiamo contare facilmente le risorse dell'Occidente, se ne abbiamo la volontà. Quindi il messaggio è semplice: è una sveglia per il mondo. Assicuriamoci che l'Ucraina vinca questa guerra", ha aggiunto.

09:57
Farnesina agli italiani: "Evitare assembramenti a Mosca"

Dopo che ieri i servizi d'intelligence russi hanno detto di avere sventato un piano dell'Isis per attaccare una sinagoga a Mosca, la Farnesina "suggerisce" ai cittadini italiani di "continuare ad evitare, nelle prossime settimane, ogni forma di assembramento nella capitale, ivi inclusa la partecipazione ad eventi culturali con grossa affluenza di pubblico". Lo si legge sul sito Viaggiare Sicuri. Nel messaggio, che ribadisce disposizioni già in vigore, non si fa tuttavia cenno all'allarme dell'ambasciata americana per possibili attentati a Mosca nelle prossime 48 ore.

09:55
Esplosioni nelle città occupate dai russi a Zaporizhzhia

Esplosioni sono state segnalate nelle città occupate dai russi della regione sud-orientale  ucraina di Zaporizhzhia. Come riferisce il Kyiv Independent. Il governatore Ivan Fedorov ha affermato che una prima deflagrazione è avvenuta vicino a una base militare russa a Tokmak, un'altra in un magazzino di munizioni russo a Melitopol.

08:44
Meloni: "Conte? Non prendo lezioni dall'armocromista di Zelensky"

"Farmi dare lezioni da Conte che ha detto che per finire la guerra Zelensky deve mettersi in giacca e cravatta? Anche, no. Non prendo lezioni dall'armocromista di Zelensky". Lo ha detto il premier Giorgia Meloni, ospite ieri sera di 'Dritto e rovescio', su Rete 4. "Io vado in giro per il mondo e vengo ascoltata", ha detto.

08:15
Aziende francesi produrranno droni e munizioni

"Tre aziende francesi creeranno partenariati con aziende ucraine" per produrre droni e anche munizioni in Ucraina, ha annunciato il ministro della Difesa Sébastien Lecornu durante una intervista a radio Bfmtv.

07:37
Droni abbattuti da Russia e Ucraina

Consueto aggiornamento sui droni lanciati verso Russia e Ucraina nella notte. Kiev dichiara di averne abbattuti 33 sui 37 indirizzati verso i propri confini, Mosca comunica di averne distrutti 12 nel proprio spazio aereo. 

07:36
Putin grazia 52 detenute

Il presidente russo Vladimir Putin ha concesso la grazia a 52 detenute. Lo ha annunciato il Cremlino in occasione della Giornata internazionale della donna.  "Nel prendere la decisione sulla grazia, il capo dello stato è stato guidato da principi umanitari. La grazia va principalmente a beneficio delle madri con figli minori, delle donne incinte e delle donne i cui familiari sono coinvolti nell'operazione militare speciale (in Ucraina)", si legge nel comunicato ufficiale.  L'elenco delle persone alle quali è stata concessa la grazia non è ancora stato reso noto alla stampa.

07:23
Da GB altri 10mila droni all'Ucraina

Il Regno Unito consegnerà altri 10mila  droni all'Ucraina. Lo ha annunciato il ministro della Difesa britannico Grant Shapps, durante la sua terza visita a Kiev.  Sul suo profilo X, il ministro ha dichiarato che "i droni stanno cambiando il corso della guerra in Ucraina". Ecco perché "oggi il Regno Unito sta aumentando la fornitura di droni al fronte, aumentando il suo impegno da 200 milioni di sterline a 325 milioni di sterline. Così facendo, porteremo in Ucraina più di 10mila nuovi droni e rimarremo il più grande fornitore di droni all'Ucraina", ha sottolineato Shapps.  La Russia ha ripetutamente avvertito che l'alleanza atlantica sta "giocando con il fuoco" fornendo armi all'Ucraina e che i convogli stranieri che trasportano armi sarebbero "obiettivi legittimi" per i suoi militari non appena attraversano il confine