Lunedì 15 Luglio 2024

L’offensiva ucraina in Crimea. Ma ora Mosca trema per gli attacchi all’aeroporto dell’Armageddon

Intanto le autorità filo russe denunciano un “cyber-attacco senza precedenti” nella regione annessa dal 2014

Mosca, 22 settembre 2023 – Tensione altissima in Crimea: prima un raid missilistico dell’Ucraina ha colpito la flotta russa a Sebastopoli - provocando un morto, secondo quanto trapelato finora -, poi la regione ha subìto “un cyberattacco senza precedenti”, come lo hanno definito le autorità filo-russe che governano la penisola annessa da Mosca nel 2014. Che cosa sta succedendo? Ecco cosa sappiamo.

Crimea, tra missili e attacco hacker

Partiamo dal raid missilistico. Intanto: Kiev lo ha appena rivendicato. L’esercito di Zelensky parla di “attacco riuscito” al quartier generale della flotta russa. Secondo quanto scrive Rbc Ukraine, l'edificio sarebbe stato distrutto. Dalle prime indicazioni, l'attacco è stato causato da un missile Storm Shadow.

Il blog Voennyj Osvedomitel, rilanciando video e resoconti. Nei filmati si vede una colonna di fumo nero levarsi sull'edificio con colonne in stile neoclassico. 

Poi la denuncia del cyber-attacco. “Attacco informatico senza precedenti contro i fornitori di servizi Internet in Crimea. Stiamo riparando le interruzioni nella penisola”, ha riferito su Telegram Oleg Krioutchko, consigliere del leader filo-russo, senza specificare se il cyberattacco sia collegato ai raid ucraini avvenuti poche ore prima contro il quartier generale della flotta russa.

Aeroporto di Chkalovsky: perché Mosca è preoccupata

Ma c’è un terzo elemento che aiuta a capire la portata di quel che sta accadendo. Lo mette a fuoco la Gran Bretagna. Le esplosioni di inizio settimana all'aeroporto di Chkalovsky, base aerea militare a 31 chilometri da Mosca, “costituiscono probabilmente la maggiore preoccupazione di tipo strategico per i leader russi”: così il ministero della Difesa britannico nel suo aggiornamento quotidiano di intelligence. In particolare, la base di Chkalovsky “è un luogo sensibile perché ospita aerei militari specializzati e trasporti vip per i leader russi”, sottolinea il rapporto, che segnala anche danni a un aereo Coot utilizzato per le missioni speciali. "Il tipo esatto coinvolto non è chiaro, ma questi preziosi mezzi svolgono missioni che includono la raccolta di informazioni elettroniche”, secondo Londra.

Kiev: “Sabotati aerei Armageddon russa”

Qualche giorno fa l’intelligence ucraina aveva parlato di aerei AN-148 e IL-20 (entrambi appartenenti al 354mo Reggimento di Aviazione delle forze speciali), nonché di un elicottero MI-28N, che in passato aveva partecipato attivamente all'abbattimento di droni d'attacco sulla regione di Mosca. "I russi sono furiosi perché l'aeroporto ospita velivoli governativi speciali (progettati per evacuare la leadership e il gruppo operativo di ufficiali dello Stato maggiore russo in caso di distruzione o minaccia delle infrastrutture terrestri e satellitari, ndr), oltre ai cosiddetti "aerei del giorno del giudizio" (chiamati così perché costruiti per l'utilizzo in caso di guerra nucleare, ndr)", ha commentato l'intelligence ucraina affermando che i danni agli aerei non lasciano sperare in un rapido recupero.