Australia allagata, incubo coccodrilli nelle strade: il video. Migliaia di persone in trappola, e ora arriva l’alta marea

Le alluvioni nel Queensland sono già state definite come le peggiori della storia. Durante la notte evacuata una cittadina intera con 300 persone. Strade fuori uso, elettricità interrotta

Roma, 18 dicembre 2023 – Coccodrilli nelle strade, sfollati, viabilità ko, blackout e persone sui tetti, in attesa di essere salvate. Il ciclone Jasper si è abbattuto sull’Australia: il Queensland è sommerso da 2 metri d’acqua. Video e immagini sono da film horror.

Migliaia di persone intrappolate sono in attesa di evacuazione mentre di coccodrilli nuotano in mezzo a zone residenziali. Nel documentare quelle già definite come le “peggiori alluvioni della storia dello Queensland”, la stampa australiana riferisce di una situazione drammatica che mette in pericolo la vita di centinaia di abitanti e ha già causato ingenti danni a beni e infrastrutture.

Clicca nella foto per sfogliare la gallery

I video dei coccodrilli

In un video amatoriale che ha fatto il giro dei media di tutto il mondo si vede un coccodrillo di tre metri che emerge dalle acque torbide che scorrono come un fiume sulla cittadina di Ingham, a sud di Cairns e a oltre 400 km di distanza dalla riserva aborigena di Wujal Wujal. In un altro video si vede la cattura di un coccodrillo.

Australia, che cosa sta succedendo

Finora non sono stati segnalati morti e feriti, ma a preoccupare le autorità sono le avverse previsioni meteo: le piogge intense continueranno per l’intera giornata odierna. Un’intera cittadina è stata evacuata durante la notte, grazie all’intervento di squadre di soccorso che hanno messo in sicurezza più di 300 persone, mentre gli elicotteri dell’esercito hanno prestato assistenza a cittadini rimasti isolati. Le immagini hanno mostrato decine di persone in fuga su barche di fortuna. Nel locale aeroporto di Cairns - località maggiormente colpita dalle piogge torrenziali - gli aerei sono allagati, mentre nei centri abitati si vedono coccodrilli nuotare tra le case. Al momento migliaia di persone rimangono bloccate, tra cui alcune salite sul tetto di un ospedale.

Una delle vicende più preoccupanti riguarda appunto la sorte di nove persone, tra cui un bambino malato, che hanno trascorso la notte sul tetto della struttura sanitaria dopo che le squadre di emergenza non sono riuscite a raggiungerle. Nel contempo aumenta il numero di sfollati in quanto molti dei residenti hanno perso la propria casa.

Strade fuori uso, elettricità interrotta

Da ieri molte strade sono fuori uso, l’erogazione dell’elettricità è stata interrotta, lasciando la popolazione al buio, e nelle ultime ore la distribuzione di acqua potabile sta diminuendo.

Le previsioni meteo e l’incubo alta marea

Si tratta del disastro naturale “peggiore che si possa ricordare”, ha dichiarato all’Australian Broadcasting Corporation il premier del Queensland, Steven Miles. A complicare le operazioni di soccorso è il maltempo persistente, come riferito dall’emittente ABC, che oggi ha costretto le autorità ad annullare un’evacuazione programmata. Un altro tentativo di soccorso sarà effettuato domani mattina, sempre che il meteo lo consenta.

Il problema, avvertono i meteorologi, è che la pioggia torrenziale continuerà per gran parte della giornata e coinciderà con l’alta marea, intensificando l’impatto sulle comunità stabilite nelle zone più basse. 

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn