Mark Zuckerberg (Ansa)
Mark Zuckerberg (Ansa)

New York, 12 aprile 2020 - Una montagna di soldi in sicurezza e viaggi privati. Ben 23,4 milioni di dollari nel solo 2019, tutti tirati fuori dalla sua azienda: Facebook. Mark Zuckerberg, fondatore e ceo del social più conosciuto del mondo, non ha badato a spese e, anzi, ha alzato la posta rispetto agli anni precedenti. I quasi 23 milioni e mezzo di dollari rappresentano infatti una cifra superiore ai 20 milioni sganciati nel 2018 e ai 9,1 milioni del 2017. Nonostante il costo elevato, Zuckerberg continua a percepire da Facebook un salario di un dollaro all’anno. 

I fondi includono circa 10 milioni di dollari per i costi relativi alla sicurezza personale per Zuckerberg a casa sua e durante i suoi viaggi personali. Include anche altri 10 milioni necessari per proteggere lui e la sua famiglia. Mister Facebook ha poi richiesto 3 milioni per i costi degli aerei privati, contro una spesa di 2 milioni e mezzo di dollari in viaggi aerei (sempre privati) nel 2018 e un milione e mezzo nel 2017. Tutte le spese sono archiviate alla voce ‘altri compensi’ per Zuckerberg. Si tratta di spese che secondo l’azienda fanno parte dei costi sulla sicurezza perché consentono al ceo di evitare gli ambienti pubblici e la first o la business class dei normali voli di linea. Posizioni a bordo degli aerei, per quanto riservate e di lusso, che non garantiscono la sicurezza personale rispetto ad attentati o anche solamente all’ira di qualche matto che decide di regolare i conti con il manager del più grande social network del mondo.

Lo chief operating officer di Facebook, Sheryl Sandberg, ha invece portato a casa – riporta Cnbc – un salario di base di 875.000 dollari nel 2019, al quale di aggiunge un bonus di 902.740 dollari e azioni per 19,67 milioni. 

Per quanto riguarda i costi di Facebook, nel 2019, il social ha registrato quattro trimestri consecutivi di crescita inferiore al 30% consecutivo, chiudendo l’anno con una crescita dei ricavi del 24,7% durante il quarto trimestre rispetto allo stesso periodo del 2018. 

Le azioni di Facebook hanno raggiunto il massimo storico il 29 gennaio a 224,20 dollari per azione, prima di scendere con il resto del mercato a un nuovo minimo di 52 settimane il 18 marzo, a un valore di 137,10 dollari per azione.