Vodafone-Three UK nel mirino dell’antitrust

L'autorità britannica per la concorrenza indaga sulla fusione tra Vodafone e Three UK, per valutare l'impatto sulla concorrenza e la scelta dei consumatori. Le due aziende rimangono ottimiste riguardo alla creazione di un business congiunto più competitivo.

Vodafone-Three UK nel mirino dell’antitrust

Vodafone-Three UK nel mirino dell’antitrust

L’autorità britannica per la concorrenza e il mercato (Cma) ha annunciato ieri l’apertura di un’inchiesta formale sulla fusione fra il terzo e il quarto maggiore operatore di telefonia mobile del Regno Unito, ossia tra Vodafone e il rivale Three UK, posseduto dal gruppo CK Hutchison, con base a Hong Kong. L’operazione, avviata a giugno, prevede – se approvata – l’acquisizione del 51% delle azioni della holding congiunta da parte di Vodafone, con il restante 49% nelle mani di Hutchison; e una base nazionale di 27 milioni di utenti, tale da scavalcare i primi due gestori attuali del Regno, BT-EE e Virgin Media O2, e passare al primo posto. Ma che nelle intenzioni mira soprattutto ad accelerare la transizione verso il 5G e la connettività veloce. Il valore della nuova società è stimato a 16,5 miliardi di sterline (poco meno di 20 miliardi di euro), dopo una revisione al rialzo di una valutazione iniziale di 15 miliardi.

La Cma ha fatto sapere di voler approfondire il progetto e il suo eventuale "impatto sulla concorrenza" e sulla possibilità di scelta dei consumatori. L’operazione "riunirebbe due dei maggiori operatori del mercato britannico delle telecomunicazioni – spiega in una nota Sarah Cardell, direttore generale della CMA – che è essenziale per la vita quotidiana di milioni di clienti, imprese e per l’economia nel suo complesso", pertanto la Cma "valuterà l’impatto che questa combinazione di rivali potrebbe avere sulla concorrenza prima di decidere i passi successivi".

Le due aziende da parte loro restano ottimiste, stando alle dichiarazioni ufficiali. "Noi crediamo con forza che la fusione fra Vodafone e Three sia destinata ad allargare significativamente la concorrenza attraverso la creazione di un business congiunto dotato di maggiori risorse da investire in infrastrutture", ha commentato Ahmed Essam, ceo di Vodafone Uk.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro