Ucimu, produzione 2023 sale a 7,6 miliardi grazie all'export

Nell'anno incremento del 3,8%. Il 2024 sarà di tenuta a +0,5%

Il 2023 è ancora positivo per l'industria italiana costruttrice di macchine utensili, robot e automazione che ottiene un nuovo record di produzione. Il trend positivo dovrebbe trovare conferma anche nel 2024. Nel 2023, secondo i dati di preconsuntivo elaborati dal centro studi & cultura di impresa di Ucimu sistemi per produrre, la produzione si è attestata a 7.560 milioni di euro, segnando un incremento del 3,8% rispetto all'anno precedente. Il risultato è stato determinato dal buon andamento delle esportazioni cresciute, del 10,3%, ad una cifra record di 3.825 milioni di euro. Il dato di export/produzione è tornato a salire, attestandosi a 50,6%. Per il 2024 le previsioni vedono la produzione ancora in crescita a 7.595 milioni (+0,5% rispetto al 2023), grazie all'incremento registrato dalle esportazioni che si attesteranno a 4.070 milioni di euro (+6,4%). I dati sono stati resi noti nel corso della conferenza stampa di fine anni della presidente di Ucimu, Barbara Colombo, la quale ha evidenziato che "sebbene siano evidenti i segnali di rallentamento, il 2023 dei costruttori italiani chiude ancora con segno positivo; la produzione made in Italy di settore cresce ancora mettendo a segno un nuovo record grazie ai buoni riscontri che le aziende hanno ottenuto oltreconfine".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro