Martedì 16 Aprile 2024

Cna, turismo delle radici ottimo per destagionalizzare

Già ora impatto economico 18 miliardi ma sarebbe ben superiore

Cna, turismo delle radici ottimo per destagionalizzare

Cna, turismo delle radici ottimo per destagionalizzare

I progetti che favoriscono la destagionalizzazione sono i benvenuti, dal turismo esperienziale al turismo delle radici. Così Cna Turismo e Commercio plaude alle iniziative annunciate dal ministro Antonio Tajani relative a "2024, Anno delle radici italiane nel mondo". Nel caso del turismo delle origini agisce anche una componente emozionale che rende il turismo non solo fattore economico ma anche culturale attraverso il coinvolgimento diretto delle comunità di italiani e italo-discendenti nel mondo. Secondo le stime, la platea di potenziali turisti supera gli 80 milioni di persone, oltre ai cinque milioni di cittadini italiani che vivono stabilmente fuori dai confini nazionali. La riscoperta globale delle radici favorisce questo fenomeno. Già oggi oltre 13 milioni di visitatori in Italia possono essere ricompresi nella categoria "turista delle radici" secondo la classificazione dell'Enit. Erano 5,8 milioni nel 1997 e 10 milioni nel 2018. Dal punto di vista economico il valore di questa forma di turismo attualmente supera i 18 miliardi ma in realtà l'impatto economico sarebbe ben superiore. Prima di tutto, il viaggio porta i turisti delle radici a scoprire o a riscoprire le eccellenze artigianali e agroalimentari italiane trasformando questo percorso in una esperienza di vita. Il turista delle radici dal viaggio ai luoghi di origine familiare in taluni casi è portato a ristrutturare o comprare immobili oppure a compiere investimenti. Famoso è il caso del regista Francis Ford Coppola che ha addirittura aperto un lussuoso albergo a Bernalda, il centro della Basilicata di cui era originario il nonno Agostino.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro