Pesticidi, il dietrofront di von der Leyen: “Gli agricoltori meritano di essere ascoltati”

A Strasburgo l’annuncio della presidente della Commissione Ue: “Capisco le preoccupazioni per il futuro del settore, ma bisogna passare a un modello più sostenibile”. Cento trattori bloccano l’ingresso dell’Eurocamera

Strasburgo, 6 febbraio 2024 – Ursula von der Leyen annuncia lo stop alla proposta legislativa sui pesticidi. “I nostri agricoltori meritano di essere ascoltati. So che sono preoccupati per il futuro dell'agricoltura e per il loro futuro. Ma sanno anche che l'agricoltura deve passare a un modello di produzione più sostenibile, in modo che le loro aziende rimangano redditizie negli anni a venire”, le parole della presidente della Commissione Ue alla Plenaria del Parlamento Europeo a Strasburgo. Il regolamento “è diventato un simbolo di polarizzazione” ha spiegato, sottolineando che “una nuova proposta, più matura”, sarà fatta in futuro.

L'intervento di Ursula von der Leyen a Strasburgo
L'intervento di Ursula von der Leyen a Strasburgo

"La proposta è stata rigettata dall'Eurocamera e non ci sono progressi neanche in Consiglio”, ha sottolineato von der Leyen soffermandosi a lungo, nel suo intervento, sulle proteste degli agricoltori. “Molti di loro si sentono messi all'angolo .Gli agricoltori sono i primi a risentire degli effetti del cambiamento climatico. Siccità e inondazioni hanno distrutto raccolti e minacciato il bestiame. Gli agricoltori risentono dell'impatto della guerra in Ucraina. L'inflazione, l'aumento del costo dell'energia e dei fertilizzanti. Ciononostante, lavorano duramente ogni giorno per produrre il cibo di qualità che mangiamo. Per questo, dobbiamo loro apprezzamento, ringraziamento e rispetto”, ha detto von der Leyen. “Abbiamo lanciato il Dialogo strategico sul futuro dell'agricoltura nell'Ue. Abbiamo invitato i rappresentanti del settore agricolo, delle comunità rurali, dell'industria delle sementi e dei fertilizzanti, del settore alimentare, ma anche del settore finanziario, dei consumatori e del settore alimentare, dei gruppi di consumatori e ambientalisti e della scienza. Abbiamo bisogno di analizzare insieme la situazione, condividere idee e sviluppare scenari per il futuro. Dobbiamo andare oltre oltre un dibattito polarizzato e creare fiducia – ha concluso la presidente della Commissione Ue –. La fiducia è la base fondamentale per soluzioni praticabili. La posta in gioco è alta per tutti noi. Il nostro sistema di produzione alimentare è unico”.

L’annuncio di Ursula von der Leyen è stato accolto favorevolmente dagli agricoltori: “È un punto di apertura importante, è la prima proposta parzialmente positiva che sentiamo nell'ultimo periodo. Non condividiamo, però, l'idea di dare più soldi a chi lascia i terreni incolti”. A dirlo è Danilo Calvani, leader del Comitato degli agricoltori traditi Cra, in merito alla proposta di ritirare il regolamento sui pesticidi. “È un primo punto a favore delle nostre proposte, siamo sulla strada giusta – ha aggiunto –. Ma la nostra protesta va avanti. Noi vogliamo i fatti. Chiediamo l'annullamento di tutti i patti bilaterali con Paesi extra Ue che ci stanno uccidendo”.

Circa cento trattori hanno bloccato l'ingresso dell'Eurocamera a Strasburgo
Circa cento trattori hanno bloccato l'ingresso dell'Eurocamera a Strasburgo

E proprio oggi circa cento di trattori hanno bloccato l'ingresso dell'Eurocamera a Strasburgo, proprio mentre in aula era in corso il dibattito alla presenza della presidente von der Leyen e del presidente del Consiglio europeo, Charles Michel. La polizia è intervenuta alzando delle barriere mobili per contenere la protesta. I manifestanti si sono radunati di fronte all'ingesso principale, bloccando la circolazione di auto e mezzi pubblici.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro