Lunedì 20 Maggio 2024
ILARIA BEDESCHI
Economia

Chi c’è dietro Telegram, l’impero delle chat segrete a prova di hacker

La piattaforma fondata nel 2013 è diventata subito famosa per la tutela della privacy degli utenti

Chi c'è dietro Telegram (foto generica)

Chi c'è dietro Telegram (foto generica)

Roma, 19 aprile 2024 – Pavel Durov, classe 1984, è l’imprenditore miliardario di origine russa noto per essere il fondatore del social network russo VK – l’analogo di Facebook – e del servizio di messaggistica istantanea Telegram, quest’ultimo mantenuto assieme al fratello Nikolaj. Nel 2022 è, secondo Forbes, il 115º uomo più ricco del mondo con un patrimonio stimato di 15,1 miliardi di dollari.

I numeri di Telegram

Fondata nel 2013 da Nikolai e Pavel Durov, Telegram è diventata subito famosa per la tutela della privacy degli utenti grazie alle chat segrete, alle notifiche in caso di screenshot e a una cifratura dei messaggi a prova di hacker: tre funzionalità che significano 900 milioni di utenti. Il 12 gennaio 2021 l'applicazione aveva raggiunto i 500 milioni di utenti attivi al mese, traguardo che Pavel Durov aveva associato al fatto che 25 milioni di nuovi utenti si fossero iscritti durante le precedenti 72 ore a causa dei nuovi termini e condizioni di WhatsApp.

La segretezza

I client ufficiali di Telegram sono distribuiti come software libero. Il codice sorgente del lato server invece non è stato reso pubblico. Ciò significa che è possibile mantenere la segretezza delle conversazioni effettuate sul cloud. Non è possibile fornire in proprio questo servizio di messaggistica (ad esempio da un proprio server), perché il server non è stato progettato per questo scopo e l'installazione di nuovi server richiederebbe interi duplicati della rete Telegram e dei suoi contenuti.

Durov e la politica

Il 16 aprile 2014 Durov si è rifiutato pubblicamente di consegnare i dati dei manifestanti ucraini alle agenzie di sicurezza russe e di bloccare la pagina di Alexei Navalny su VK. Invece ha pubblicato gli ordini pertinenti sulla propria pagina VK sostenendo che le richieste erano illegali. Il 21 aprile 2014 Durov è stato licenziato come amministratore delegato di VK. La società ha affermato di aver agito sulla sua lettera di dimissioni un mese prima che lui non ricordava. Durov ha poi affermato che la società era stata effettivamente rilevata dagli alleati di Vladimir Putin, suggerendo che la sua cacciata era il risultato sia del suo rifiuto di consegnare i dati personali degli utenti alle forze dell'ordine federali sia del suo rifiuto di consegnare i dati personali delle persone che erano membri di un gruppo VK dedicato al movimento di protesta Euromaidan. Durov ha poi lasciato la Russia ed ha dichiarato che "non ha intenzione di tornare indietro" e che "il Paese è incompatibile con il business di Internet al momento".

Le banche svizzere e la vita a Dubai

Dopo aver lasciato la Russia, ha ottenuto la cittadinanza di Saint Kitts e Nevis, donando 250.000 dollari alla Fondazione per la diversificazione dell'industria dello zucchero del paese e assicurandosi 300 milioni di dollari in contanti all'interno delle banche svizzere. Ciò gli ha permesso di concentrarsi sulla creazione della sua prossima azienda, Telegram, incentrata su un servizio di messaggistica crittografato con lo stesso nome. La società aveva sede a Berlino e si è trasferita poi a Dubai. Successivamente ha provato a lanciare la criptovaluta "Gram" e la piattaforma The Open Network (TON), raccogliendo una startup da 1,7 miliardi di dollari con investitori tra cui la vedova di Steve Jobs, Laurene Powell Jobs. Tuttavia, queste iniziative sono state bloccate dalla SEC e dai tribunali federali degli Stati Uniti.  

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro