Venerdì 24 Maggio 2024
ANNAMARIA LAZZARI
Economia

Scuole nel futuro con Open Fiber. Rete ultraveloce nei piccoli paesi: "Rivoluzione digitale nelle classi"

Fibra ottica in oltre 1.500 istituti. Il modello avviato nel Lecchese: "Siamo riusciti a realizzare l’impensabile"

Scuole nel futuro con Open Fiber. Rete ultraveloce nei piccoli paesi: "Rivoluzione digitale nelle classi"

Scuole nel futuro con Open Fiber. Rete ultraveloce nei piccoli paesi: "Rivoluzione digitale nelle classi"

Una rete ultraveloce, affidabile e a prova di futuro per le scuole lombarde, che arriva anche nei borghi più sperduti del nostro Paese. È l’infrastruttura in fibra ottica “Fiber To The Home“ (o Ftth, fibra ottica fino a casa) ad alta velocità che garantisce prestazioni elevate, stabilità e sicurezza. Nelle aule è la porta d’accesso per esperienze interattive e risorse multimediali, senza preoccuparsi dei limiti della connessione. Una rivoluzione per la didattica possibile grazie all’impegno di Open Fiber, la società controllata da Cdp e dal fondo Macquarie che rappresenta il principale operatore italiano e tra i leader in Europa nelle connessioni in Ultrabroadband. Su tutto il territorio lombardo ad oggi sono 1.513 le scuole cablate da Open Fiber che hanno la possibilità di connettersi alla infrastruttura a banda ultralarga. Già 628 gli istituti dove la connessione è attiva.

L’autostrada su cui corre la transizione digitale del Paese passa anche attraverso i piccoli comuni. Infatti, attraverso il piano strategico BUL (Banda Ultra Larga), Open Fiber sta realizzando l’infrastruttura di rete anche nelle aree bianche, le zone rurali e periferiche in cui gli operatori non hanno dichiarato interesse a intervenire: in queste aree sono 1.374 gli edifici scolastici connessi alla rete ultraveloce (739 attivati, quasi il 54%). A Monticello Brianza, piccolo gioiello del Lecchese, l’effettiva adozione di reti in fibra ottica riguarda quattro scuole (in tutta la provincia di Lecco sono già 43). Parliamo della primaria “Aldo Moro“, della secondaria di primo grado “Casati“ e dell’istituto di istruzione superiore “Alessandro Greppi“ che racchiude l’istituto tecnico e il liceo.

Spiega Stefano Riva, docente di Sistemi e reti all’istituto tecnico Greppi e consigliere con delega alla Digitalizzazione del Comune di Calco: "Grazie a Open Fiber siamo riusciti a realizzare l’impensabile. Perché nonostante il nostro sia un piccolo comune (meno di 5mila abitanti), sia le scuole del primo che del secondo ciclo di istruzione possono usufruire della connessione simmetrica in fibra ottica fino ad 1 Giga al secondo. Grazie al bando “Piano Scuole“ voluto dal Ministero dello sviluppo economico, peraltro, è possibile accedere gratuitamente per un periodo di 5 anni".

La comunità delle superiori a Monticello Brianza conta circa 1.400 studenti e 150 docenti. "Tutte le nostre classi sono dotate di Lim (lavagne interattive multimediali) e anche i registri elettronici sono la norma. Solo la fibra ottica FTTH consente stabilità di connessione e performance in grado di sopperire alle esigenze di più classi in contemporanea" aggiunge il professor Riva. Lo scorso 26 marzo Open Fiber ha incontrato per la seconda volta in un anno gli studenti del Greppi: in totale ai due eventi organizzati dall’azienda hanno partecipato circa 150 ragazzi, a cui è stato presentato lo stato di avanzamento del Piano Banda Ultra Larga.

Non solo. "L’iniziativa ha offerto ai nostri diplomandi una preziosa occasione per allargare l’orizzonte delle opportunità professionali, attraverso il contatto diretto con una realtà aziendale solida e strutturata che offre percorsi di carriera ai ragazzi di alto potenziale con la passione per il digitale e la tecnologia" conclude il docente dell’istituto Greppi.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro