Mercoledì 29 Maggio 2024

Ricavi +57% in 6 anni. Milleri confermato al vertice del gruppo

Francesco Milleri confermato presidente di EssilorLuxottica con oltre l'82% dei voti. Delfin, società di Milleri, mantiene le quote in Mediobanca, Generali e Unicredit. Gli eredi Del Vecchio lavorano a un'intesa. Obiettivo di Essilux: superare i 100 miliardi di capitalizzazione. Ricavi 2023: 25,4 miliardi di euro, +57% in sei anni.

Ricavi +57% in 6 anni. Milleri confermato al vertice del gruppo

Ricavi +57% in 6 anni. Milleri confermato al vertice del gruppo

Francesco Milleri (in foto) resta presidente e ad di EssilorLuxottica, confermato con oltre l’82% dall’assemblea della società a Parigi. Delfin, della quale Milleri è presidente, resta per ora ferma sulle quote detenute in Mediobanca, Generali e Unicredit. Gli eredi Del Vecchio stanno lavorando a un’intesa, per la quale sono in discussione solo i dettagli. Tutti i tasselli dell’impero lasciato quasi due anni fa dal fondatore di Luxottica stanno andando al loro posto, con diversi segnali positivi. Come da proposta della controllante Delfin, che detiene il 32,5% di Essilux, sono stati confermati i componenti uscenti del cda, tra i quali Paul du Saillant, vice ad, e Romolo Bardin, ad di Delfin.

Le votazioni, anche sulle remunerazioni dei dirigenti, tra l’altro hanno ricevuto consensi molto elevati, andando anche in direzione diversa rispetto a quanto suggerito alla vigilia da diversi ‘proxy’. "Quando abbiamo annunciato la fusione, EssilorLuxottica aveva una capitalizzazione di mercato di 46 miliardi: oggi è a più di 90 miliardi ma il nostro obiettivo è superare presto quota 100", spiega Milleri. Che ricorda come "in Mediobanca siamo già al massimo e ogni tanto dobbiamo vendere per non superare la soglia del 20%, che non vogliamo superare. Su Generali abbiamo in corso un processo di regolarizzazione del superamento minimo, ma questo non presuppone decisioni su una crescita futura". Il 2023 chiuso con ricavi pari a 25,4 miliardi di euro, in aumento del 57% in sei anni.