Lunedì 27 Maggio 2024

Paolo Berlusconi con Dongfeng. Porte aperte alle auto cinesi

Il colosso cinese dell'auto Dongfeng negozia con il governo italiano per aprire una fabbrica da 100.000 veicoli l'anno. Paolo Berlusconi investe nel 10% di DF Italia, rivenditore ufficiale dei suv elettrici di lusso del gruppo. Lo scontro con Stellantis si fa sempre più vicino.

Paolo Berlusconi con Dongfeng. Porte aperte alle auto cinesi

Paolo Berlusconi con Dongfeng. Porte aperte alle auto cinesi

Il colosso dell’auto cinese Dongfeng tratta con il governo italiano per aprire una fabbrica da 100 mila veicoli l’anno. Intanto Paolo Berlusconi la accompagna sul mercato italiano, investendo nel 10% di DF Italia, il rivenditore ufficiale dei suv elettrici di lusso del gruppo. Lo scontro con Stellantis, che a metà aprile con i primi rumors aveva già lanciato l’allarme, si fa sempre più vicino.

La Pff, holding di Paolo Berlusconi e di sua figlia Alessia, il 21 febbraio scorso hanno depositato l’atto costitutivo di DF Italia, la srl amministrata da Bruno Giovanni Mafrici (a cui fa capo l’altro 90%). Meno di due mesi dopo, al Salone del Mobile di Milano, la prima uscita in pubblico con la presentazione dei modelli del marchio Voyah con cui il gruppo Dongfeng debutterà in Italia: il suv elettrico Free e la monovolume Dream e il progetto di un’avveneristica auto a guida autonoma Icozy. Nella stessa occasione Qian Xie, responsabile delle attività europee di Dongfeng, ha rivelato le trattative preliminari con il governo italiano che nelle prossime settimane sarebbe già pronto a offrire a Dongfeng, che punta a produrre 100.000 auto ibride all’anno destinate sia al mercato italiano che a quello allargato dell’Europa, una lista di siti produttivi.

Il 17 aprile il ministro Adolfo Urso ha confermato: "Sì, c’è una interlocuzione con diverse case automobilistiche non soltanto asiatiche". Ad oggi peraltro i motori cinesi già vincono nelle auto che vengono assemblate in Italia: in primis la stessa Dongfeng insieme a Cmc (Cirelli Motor Company).

Red. Eco.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro