Giovedì 13 Giugno 2024
Maddalena De Franchis
Economia

Muji, la catena giapponese vuole crescere in Italia

Presente con 5 negozi fisici in Italia ha lanciato i suoi nuovi siti web sulla nota piattaforma aperta e flessibile BigCommerce

Un negozio Muji di Milano

Un negozio Muji di Milano

Milano, 11 giugno 2024 – Il colosso giapponese di moda e lifestyle Muji ha appena lanciato i suoi nuovi siti web sulla nota piattaforma aperta e flessibile BigCommerce, con l’obiettivo di sostenere la crescita italiana ed europea del marchio. Dotato di una rete di oltre mille negozi fisici in tutto il mondo, l’iconico brand vende oltre 7.000 articoli di ispirazione giapponese, che vanno dall'abbigliamento agli articoli per la casa, fino ai prodotti alimentari. Muji Europa è presente in Italia con cinque negozi fisici: tre a Milano, uno a Torino e uno a Bologna. Oltre all'Italia, Muji Europa gestisce negozi fisici nel Regno Unito, in Francia, Germania, Spagna, Portogallo e Finlandia. Parallelamente, i negozi online del marchio si rivolgono a clienti di 15 Paesi europei.

Muji in Italia

Il nostro Paese si posiziona tra i primi cinque mercati europei più importanti; dunque, riveste un ruolo cruciale per Muji Europa. Grazie all'evoluzione della piattaforma online, le nuove funzionalità permettono di soddisfare una domanda crescente, proveniente sia dalle città chiave che da tutto il territorio italiano. Grazie a queste innovazioni, Muji riesce a offrire una gamma più ampia di prodotti, inclusi articoli di arredamento di grandi dimensioni, che risultano difficili da esporre in modo estensivo nei negozi fisici, a causa dei limiti di spazio.

Approfondisci:

Bonus tende solari e vetrate panoramiche, come funziona e come richiederlo

Bonus tende solari e vetrate panoramiche, come funziona e come richiederlo

Gli obiettivi di crescita del marchio

"Abbiamo un ambizioso piano di crescita in Europa e avevamo bisogno di una piattaforma che sostituisse il nostro sistema obsoleto e ci fornisse un accesso immediato alla tecnologia leader del settore", ha dichiarato Chuan Huang, responsabile e-commerce di Muji Europe. "BigCommerce si è rivelata la nostra migliore opzione, grazie al suo costo totale di proprietà, alla rapidità di implementazione, all'agilità della piattaforma e alla flessibilità che garantisce la futura sostenibilità delle nostre operazioni. Stiamo già riscontrando miglioramenti nel traffico e nelle conversioni dal nostro lancio su BigCommerce".

La rete dei negozi online

Lavorando a contatto con l'agenzia di e-commerce londinese Gpmd, Muji ha lanciato nuovi negozi online in cinque mercati chiave: Italia, Regno Unito, Francia, Germania/Austria e Spagna/Portogallo, oltre a un negozio ulteriore che serve il resto dell'Europa. Ogni portale presenta lingue, cataloghi, prezzi, categorie, metodi di consegna e pagamento localizzati. Questa configurazione consentirà al colosso giapponese di aggiungere facilmente nuovi mercati in futuro. Muji è solo l'ultimo di una serie di retailer in ambito fashion e lifestyle ad aver scelto BigCommerce, tra questi Badgley Mischka, Rohan e White Stuff.

Approfondisci:

Agenzia Entrate, nuova guida sulla rateizzazione delle cartelle di pagamento

Agenzia Entrate, nuova guida sulla rateizzazione delle cartelle di pagamento

Le difficoltà dell’ultimo anno

Muji è stato lanciato in Giappone nel 1980 e vende abiti, articoli di cancelleria, oggetti per la casa, prodotti di bellezza e da dispensa ispirati a un’estetica pura e priva di fronzoli. Nel 2023, come riportato recentemente dal quotidiano britannico The Guardian, il marchio avrebbe avviato un importante processo di ristrutturazione strategica interna, a seguito della crisi di vendite registrata principalmente nel Regno Unito, area in cui conta sette negozi (tra Londra e Birmingham). Sempre secondo The Guardian, Muji non sarebbe l’unico rivenditore al dettaglio ad aver riscontrato difficoltà: la catena di cosmetici The Body Shop ha annunciato la chiusura di quasi la metà dei suoi negozi in Uk; mentre il collasso della catena di casalinghi Wilko ha portato alla dismissione dei suoi 400 negozi e al licenziamento di quasi tutti i 12.500 dipendenti.