Martedì 11 Giugno 2024

Meta, stop all'accordo con la Siae. Via le canzoni da Facebook e Instagram

Sui social del gruppo di Mark Zuckerberg non potrà più essere usata la musica tutelata dalla Società italiana degli autori e degli editori. Mogol: "Non vogliono condividere gli utili"

Loghi della società Meta (Ansa)

Loghi della società Meta (Ansa)

Roma, 16 marzo 2023 - Niente rinnovo dell'accordo di licenza tra Meta e Siae. Dunque sui social del gruppo di Mark Zuckerberg non potrà più essere usata la musica tutelata dalla Società italiana degli autori e degli editori. "Queste piattaforme guadagnano miliardi e sono restie a pagare qualcosa. Gli autori vivono grazie ai diritti d'autore e la nostra è una battaglia giusta che facciamo di difesa degli autori", replica il presidente della Siae, Mogol.

Stop alle canzoni Siae: cosa succede ora

"Purtroppo non siamo riusciti a rinnovare il nostro accordo di licenza con Siae - ha fatto sapere un portavoce di Meta -. La tutela dei diritti d'autore di compositori e artisti è per noi una priorità e per questo motivo da oggi avvieremo la procedura per rimuovere i brani del repertorio Siae nella nostra libreria musicale". L'assenza di un accordo avrà un impatto sui reels e le stories di Facebook e Instagram e sui feed di Instagram. Su Facebook, i contenuti impattati verranno bloccati. Su Instagram i contenuti impattati verranno silenziati, a meno che gli utenti non decidano di sostituire l'audio selezionando una traccia audio disponibile sul catalogo.

"Crediamo che sia un valore per l'intera industria musicale permettere alle persone di condividere e connettersi sulle nostre piattaforme utilizzando la musica che amano. Abbiamo accordi di licenza in oltre 150 paesi nel mondo, continueremo a impegnarci per raggiungere un accordo con Siae che soddisfi tutte le parti", spiegano ancora da Meta che invece ha rinnovato gli accordi di licenza con partner in Spagna, Francia, Germania, Svezia, Regno Unito e Turchia. Tutti questi accordi si basano sullo stesso modello di compenso e sulle condizioni che è stato proposto a Siae. I brani che non rientrano nel repertorio della società (ad esempio Soundreef) continueranno a essere disponibili nella libreria musicale di Meta.

La replica della Siae

"La decisione unilaterale di Meta di escludere il repertorio Siae dalla propria library lascia sconcertati gli autori ed editori italiani", spiega in una nota la società italiana. "A Siae viene richiesto di accettare una proposta unilaterale di Meta prescindendo da qualsiasi valutazione trasparente e condivisa dell'effettivo valore del repertorio. Tale posizione, unitamente al rifiuto da parte di Meta di condividere le informazioni rilevanti ai fini di un accordo equo, è evidentemente in contrasto con i principi sanciti dalla Direttiva Copyright per la quale gli autori e gli editori di tutta Europa si sono fortemente battuti".

"Colpisce questa decisione - continua Siae -, considerata la negoziazione in corso, e comunque la piena disponibilità di Siae a sottoscrivere a condizioni trasparenti la licenza per il corretto utilizzo dei contenuti tutelati. Tale apertura è dimostrata dal fatto che Siae ha continuato a cercare un accordo con Meta in buona fede, nonostante la piattaforma sia priva di una licenza a partire dal 1 gennaio 2023. Siae non accetterà imposizioni da un soggetto che sfrutta la sua posizione di forza per ottenere risparmi a danno dell'industria creativa italiana".

"Queste piattaforme guadagnano miliardi e sono restie a pagare qualcosa. Gli autori vivono grazie ai diritti d'autore e la nostra è una battaglia giusta che facciamo di difesa degli autori", dice dal canto suo il presidente Mogol, a margine della presentazione dell'album 'Capolavori nascosti'. "È una battaglia sacra - ribadisce -, che abbiamo portato anche in Parlamento, ma da 7-8 mesi è tutto fermo ai decreti attuativi: se la situazione non si sblocca è una battaglia che abbiamo perso". "La stessa minaccia di Meta - sottolinea invece Mario Lavezzi - l'aveva fatta tempo fa anche Google: poi l'accordo è stato trovato".