Lunedì 20 Maggio 2024
COSIMO ROSSI
Economia

Il futuro al tempo della transizione: "Imprese, siate lungimiranti"

L’appello di Enrico Giovannini, direttore di Asvis. Al via l’ottava edizione del Festival della sostenibilità

Il futuro al tempo della transizione: "Imprese, siate lungimiranti"

Il futuro al tempo della transizione: "Imprese, siate lungimiranti"

"Sono gli adulti quelli più resistenti" alla sostenibilità dello sviluppo. In particolare "gli uomini ultra cinquantenni". E, dal momento che costituiscono anche la gran parte "delle classi dirigenti", sono a maggior ragione "il target principale" dell’opera di sensibilizzazione e intervento dell’Alleanza Italiana dello Sviluppo Sostenibile (ASviS), come spiega il direttore scientifico Enrico Giovannini, presentando a Roma l’ottava edizione del Festival tematico. Oltre mille iniziative – incontri, forum, esposizioni, approfondimenti, concerti in presenza e telematici – promosse a tutti i livelli tra il 7 al 23 maggio, in collaborazione con Quotidiano Nazionale. "Guardare a un futuro migliore per agire con consapevolezza nel presente": questo il messaggio dell’ottavo Festival dello Sviluppo sostenibile. Iniziativa che nasce, come ASviS, sulla scorta dell’Agenda 2030 approvata dalle Nazioni unite nel settembre 2015: 17 obiettivi strategici (Sustainable Development Goals), quanti sono i giorni del Festival. Cui si aggiunge un grande concerto gratuito all’Auditorium Parco della Musica di Roma il 24 maggio.

Nata nel 2016, l’Allenaza riunisce soggetti istituzionali, economici e sociali pubblici e privati: dalla Rai ai ministeri, da Invitalia a Unicredit, da Enel a Tim, da Autostrade a LegaCoop, tutti variamente impegnati nella transizione oltre che a sostenere economicamente il Festival. Il cui calendario si articola in sei tappe principali a Ivrea, Torino, Bologna, Milano, Palermo e Roma; oltre a un fitto programma di iniziative promosse da soggetti locali, società civile e le legazioni italiane all’estero (programma su https://2024.festivalsvilupposostenibile.it/).

Si comincia il 7 maggio,alle ex officine Olivetti di Ivrea, con la presentazione del Rapporto sugli scenari per l’Italia al 2030 e al 2050. Un italiano su tre risulta a conoscenza dei temi dell’agenda 2030, due su tre tra i giovani; gli adulti maschi sono invece i più refrattari. Dai cinque scenari realizzati con Oxford Economics sulla relazione fra transizione energetica e variabili macroeconomiche si potranno evidenziare le scelte da compiere nel campo delle politiche industriali e degli investimenti pubblici e privati. Parleranno, tra gli altri, Paolo Gentiloni, Maurizio Landini, Matteo Lepore, Giampiero Massolo, Gilberto Pichetto Fratin, Nathalie Tocci, Matteo Zuppi.

"La coerenza della politiche è un leit motiv dell’azione di AsviS – sostiene Giovannini – Vogliamo esortare le imprese a essere lungimiranti". Le imprese sperimentano anche formule innovative. Come il programma di Volontariato Enel in collaborazione col Terzo settore che dal 2019 a oggi ha coinvolto quasi 2mila dipendenti in 188 iniziative complessive, per un totale di 13.610 ore retribuite dedicate ad attività di solidarietà, con programmi finalizzati a favorire l’inclusione, la tutela dell’ambiente, il contrasto all’abbandono scolastico, attraverso percorsi di potenziamento didattico delle competenze rivolti ai giovani studenti.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro