È made in Eni il calcolatore più potente

Eni ha avviato la realizzazione di HPC6, un supercalcolatore industriale che raggiungerà una potenza di calcolo di 600 milioni di miliardi di operazioni al secondo. Sarà uno dei più potenti al mondo e avrà prestazioni energetiche efficienti e basse emissioni di carbonio. Sarà ospitato nel Green Data Center di Ferrera Erbognone. Eni rafforza così la sua leadership nel supercalcolo e le ambizioni nelle infrastrutture ad esso dedicate. (159 caratteri)

È made in Eni  il calcolatore più potente

È made in Eni il calcolatore più potente

Fino a 600 milioni di miliardi di operazioni matematiche complesse al secondo. Sarà questa la potenza di calcolo di HPC6, il nuovo supercalcolatore industriale di cui Eni ha avviato la realizzazione. Sarà uno dei più potenti al mondo dedicato all’uso industriale. La sua architettura infatti è stata concepita con la stessa tecnologia che costituisce i sistemi a oggi più potenti a livello globale ed avrà prestazioni energetiche che efficientano i consumi e minimizzano le emissioni di carbonio. Il nuovo supercomputer è il fratello maggiore di HPC4 e HPC5 che raggiungono complessivamente una potenza di calcolo di 70 milioni di miliardi di operazioni matematiche complesse al secondo.

I due supercomputer sono ospitati, come sarà per HPC6, nel Green Data Center di Ferrera Erbognone nel pavese, "uno dei centri di calcolo con la più alta efficienza energetica e miglior contenimento dell’impronta carbonica in Europa", spiega Eni. "Con questa iniziativa – precisa l’ad Claudio Descalzi – continuiamo a supportare in modo determinante la nostra leadership tecnologica, riaffermando il ruolo di Eni nel supercalcolo, e rilanciamo le nostre ambizioni nelle infrastrutture a esso dedicate".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro