Sabato 22 Giugno 2024
MONICA PIERACCINI
MONICA PIERACCINI
Economia

Btp Italia marzo 2023, conviene? Rendimento, cedola e scadenza. La guida

Il confronto con i buoni del tesoro poliennali a tasso fisso. Il codice Isin e le altre informazioni essenziali

Roma, 4 marzo 2023 - Cresce la 'febbre' per l'emissione del nuovo Btp Italia a partire da lunedì 6 marzo 2023. La cedola minima provvisoria è del 2%, più alta, in una fase caratterizzata dal rialzo dei tassi, delle ultime emissioni (per quella del 2022 la cedola era dell'1,6%). Sarà invece stabilita il 9 marzo, nella quarta giornata di emissione, la cedola definitiva, che potrà essere rivista al rialzo o confermata al 2%. Il nuovo Btp Italia ha una durata di cinque anni, scadrà dunque nel 2028, ed è indicizzato all'inflazione.

Il codice Isin

Conviene investirci almeno il taglio minimo?

Se si rispetta la scadenza quinquennale, il Btp Italia può essere considerato uno strumento sicuro e più semplice di altri.  È un investimento che prevede una remunerazione sempre allineata all’evoluzione del costo della vita. Le innovative modalità di acquisto all’emissione diretto (su piattaforma www.borsaitaliana.it) ne fanno un prodotto ideale per chi è abituato a gestire in autonomia i propri investimenti tramite i sistemi di trading online. La cedola della diciannovesima emissione, in particolare, è ricca, più alta che delle precedenti. Viene pagata ogni sei mesi, quindi la prima sarà pagata a settembre 2023. Il capitale investito è garantito a scadenza. E' previsto anche un premio fedeltà pari al'8 per mille per coloro che lo acquistano all'emissione e lo tengono fino alla scadenza del 2028. Come tutti gli altri titoli di Stato, anche il Btp Italia è tassato al 12,5%, che è una tassazione agevolata. I piccoli risparmiatori che lo acquistano nei giorni di collocamento non devono pagare commissioni e l'investimento.

Il problema è che i rendimenti del titolo sono collegati al tasso di inflazione nazionale, il cui indice di riferimento è il FOI, cioè l'indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, al netto dei tabacchi. L'emissione del titolo avviene probabilmente in quello che è il picco dell'inflazione, che sembra anzi già superato, in quanto da gennaio 2023 sta frenando. Significa che chi si aspetta maxi cedole probabilmente resterà deluso.

Reddito di cittadinanza, arriva Mia. Cosa cambia e cosa c'è da sapere. I requisiti

Il confronto con i Btp a 5 anni a cedola fissa

Attualmente il Btp a cinque anni con scadenza nel 2028 e cedola fissa ha un rendimento lordo annuo superiore al 4% nominale (2% reale). Il Btp Italia diventa conveniente solo nel caso in cui, quindi, l'inflazione media annua per i prossimi cinque anni si attesti sopra il 2%. Solo così, infatti, il rendimento diventa maggiore rispetto a quello a cedola fissa. Facciamo qualche simulazione su un nvestimento minimo di 1.000 euro nel Btp Italia. Se l'inflazione è zero, la cedola semestrale dell'1% sarà pari a 10 euro e a fine anno avrò 1.020 euro. Se l'inflazione è al 2%, oltre ai 10 euro pari all'1% di 1000 euro, avrò 40 euro come rivalutazione del capitale e lo 0,40 come rivalutazione della cedola. In totale quindi, 40,4 euro come cedola semestrale. Ad un anno dall'acquisto avrò 1.080,80 euro. Se l'inflazione è negativa (deflazione), avrò sempre la cedola semestrale dell'1%, pari a 10 euro, ma senza rivalutazione e quindi un capitale di 1.020 euro a fine anno.